Cerca nel sito

Featured 

TOSCA, GIACOMO PUCCINI – TEATRO GRANDE DI BRESCIA, VENERDI’ 28 SETTEMBRE 2018

42537033_2327005323993965_3459966417468653568_n

Con Tosca di Puccini ci si assicura quasi sempre un bel successo di pubblico quando la si mette in scena ed il Teatro Grande di Brescia fa centro con uno spettacolo elegante di concezione, un cast omogeneo ed un tutto esaurito come nelle occasioni particolari, registrando così una serata complessivamente ben riuscita. Riparte dunque la lirica a Brescia, con il ritorno dopo sei anni di uno dei titoli più amati del compositore lucchese, nella visione drammaticamente lucida del regista Andrea Cigni che disegna una Roma realistica, quasi enigmatica ed ambrata, pienamente vissuta dai protagonisti che si insinuano con decisione e consapevolezza negli spazi progettati da Dario Gessati, le cui angolature consentono visuali, se non innovative, di sicuro impatto, con prospettive studiate al servizio dell’azione in essere. Come se gli stessi elementi scenici soffocassero chi li abita, un sottile senso di oppressione serpeggia nell’aria e le luci di Fiammetta Baldiserri sottolineano una certa oscurità insita tanto nella vicenda narrata quanto negli animi degli stessi interpreti, che di conseguenza enfatizzano le sfaccettature dei propri caratteri.

Ecco che la Floria di Virginia Tola  ci mostra voluttà, impazienza, civetteria ed insicurezza in un cocktail esplosivo, muovendosi nei lussuosi abiti di Lorenzo Cutuli con consapevolezza scenica e vocale, sottolineando accenti e parole intelligentemente ed al momento giusto. Cavaradossi è un'altra mina vagante di passione e carattere, interpretato da un Luciano Ganci sanguigno, verace e possente nella voce salda che riempie la sala del Grande con la sua timbrica chiara e voluminosa. In Angelo Veccia sembra di vedere la personificazione dell’intrigo e della malignità, tanto è credibile il suo personaggio, forte di uno stile impeccabile nel fare il perfido ma con classe, e dotato della voce giusta per i ruoli terribili ed infidi. Bene anche i ruoli di contorno, dall’Angelotti di Luca Gallo, l’ottimo sagrestano di Nicolò Ceriani, agli Spoletta e Sciarrone di Nicola Pamio e Stefano Cianci.

L’ Orchestra I Pomeriggi Musicali di Milano cerca di seguire il filo logico della regia guidata dal maestro Valerio Galli, con un suono particolarmente scuro ed accentuando il dramma della musica nei momenti topici, forse perdendo un po’ del lirismo pucciniano, ma creando in generale  l’atmosfera giusta. Diego Maccagnola e Mario Mora hanno preparato il Coro Operalombardia ed il coro di voci bianche.

Come detto successo generale per tutti, con applausi particolarmente generosi all'indirizzo di Ganci, Tola, Veccia e Galli.

Maria Teresa Giovagnoli

LA   PRODUZIONE

Maestro Concertatore          Valerio Galli

e Direttore

Regia                                     Andrea Cigni

Scene                                     Dario Gessati

Costumi                                 Lorenzo Cutuli

Luci                                       Fiammetta Baldiserri

Maestro del Coro                  Diego Maccagnola

Maestro del Coro di voci bianche Mario Mora

GLI   INTERPRETI

Floria Tosca                          Virginia Tola

Mario Cavaradossi               Luciano Ganci

Il Barone Scarpia                 Angelo Veccia

 Cesare Angelotti                  Luca Gallo

 Il Sagrestano                        Nicolò Ceriani

Spoletta                                 Nicola Pamio

Sciarrone                               Stefano Cianci

Orchestra I Pomeriggi Musicali Di Milano

Coro di Operalombardia

Coro Voci Bianche "I Piccoli Musici"

Niuovo Allestimento Produzione Teatri Di Operalombardia e Fondazione I Teatri Di Reggio Emilia 

Foto Umberto Favretto – Teatro Grande di Brescia

 

TULLIO SERAFIN CELEBRATO ALLA SCALA
Presentato il Festival Verdi 2019

logo mtg footerTutti i diritti riservati