Cerca nel sito

TOSCA DI G. PUCCINI, ARENA DI VERONA OPERA FESTIVAL – RECITA DEL 10 AGOSTO 2019

Tosca_100819_FotoEnnevi_151_20190810

Ennesima ripresa di Tosca alla Fondazione Arena di Verona, nella messa in scena di Hugo De Ana che inaugurò la stagione 2006. Spettacolo godibilissimo quello affrontato in toto da De Ana tredici anni fa che disegna una Roma circoscritta nell'ambito della piattaforma di Castel Sant'Angelo dove la spada e la testa dell'arcangelo Michele, fanno da sfondo a tutta la vicenda pucciniana.

Una vicenda a tratti cinematografica più che teatrale, dove i personaggi si muovono all'interno di una passione che può essere amorosa, politica o religiosa a seconda della situazione del libretto, con una particolare attenzione alla cura dei movimenti di ogni singolo interprete.

De Ana riesce a rendere spettacolare qualsiasi momento della tragedia, ad iniziare dalla cannonata (vera) che annuncia la fuga di Angelotti dalla prigione, passando per un Te Deum fatto di macabri figuri religiosi abbigliati con costumi sfarzosissimi, fino alla morte della protagonista non più esibita in un lancio dalla balaustra ma nella sua assunzione al cielo come una santa qualsiasi in un' estasi recondita. E' una Tosca tutto sommato di impianto tradizionale quella di De Ana che tanto piace al pubblico areniano e che riesce ad emozionare nella sua precisa semplicità.

Il versante musicale ha risentito delle pesanti condizioni climatiche della serata alla quale gli invernali ed elaborati costumi di De Ana hanno contribuito in maniera sostanziale.

Saioa Hernandez ha finalmente debuttato nell'anfiteatro veronese in un ruolo come quello di Tosca che le calza a pennello. Reduce dalle recite di Macbeth a Macerata e da un calendario serratissimo, ha in parte dimostrato una certa stanchezza vocale evidente in un canto quasi sempre monocromatico e a tratti affaticato. Certo, l'Artista è notevole e lo si deduce da come la Hernandez affronta non tanto la scrittura vocale ma il personaggio, sempre con una aderenza di altissimo livello fatta di acuti precisi e sicuri, fraseggio da manuale e presenza scenica ottima.

Purtroppo la sua interpretazione, forse per il caldo opprimente e l'emozione di trovarsi per la prima volta a contatto con il pubblico areniano, ha risentito non poco risultando sì di alto livello ma forse un po' esausta.

Il Cavaradossi di Fabio Sartori (che sostituisce l'annunciato Yussif Eyvazov in programma per le prime tre recite) possiede voce sicura e squillo stentoreo che gli permettono di risolvere il personaggio con una certa sicurezza almeno dal punto di vista vocale. Al netto di qualche manierismo musicale al quale avremmo volentieri rinunciato (portamenti esagerati, singulti e prese di fiato imponenti) Sartori si dimostra comunque artista completo e molto amato dal pubblico, al quale in segno di ringraziamento concede il bis di “lucean le stelle”.

Un senso di leggero disagio causato forse non solo dal caldo opprimente  ha in parte compromesso la prova di Ambrogio Maestri quale Scarpia.

Maestri da solido professionista quale è, riesce a disegnare un personaggio sì particolarmente truce e perverso ma la fatica di fiato e di presenza hanno caratterizzato una performance che non ha brillato particolarmente. In più ogni volta che ascoltiamo il baritono pavese, abbiamo sempre la sensazione di vedere ed  ascoltare Falstaff, del quale è interprete di  riferimento e che lo ha reso conosciuto al grande pubblico. Uno Scarpia un poco addolcito dall'acqua del Tamigi insomma.

Nei ruoli di fianco troviamo un magnifico Biagio Pizzuti quale Sagrestano, vocalmente ineccepibile e perfettamente a suo agio nel ruolo del petulante inserviente di chiesa. Un ruolo che Pizzuti interpreta senza cadere in quell'eccesso di cliché tipico del suo personaggio.

Molto bene ha fatto anche Roberto Covatta, uno Spoletta malvagio e subdolamente perverso non solo nelle movenze sceniche ma anche nella modulazione vocale che lo porta ad essere artista perfetto per questi ruoli. Speriamo sinceramente di ascoltarlo presto interpretare anche altri personaggi magari più completi ed in altre lingue ( Monostatos o Narraboth ad esempio) dove sarebbe perfetto oltreché credibile scenicamente.

Perfetti anche lo Sciarrone di Nicolò Ceriani, il carceriere di Stefano Rinaldi Miliani e l'Angelotti di Krzystof Baqczyk.

Il pastorello di Enrico Ommassini è credibile nella sua voce stentorea, spavalda e intonata.

Daniel Oren a capo dell'Orchestra della Fondazione Arena, dimostra ancora una volta di conoscere come non pochi la partitura pucciniana che lo ha visto debuttare in Arena nel lontano 1984 con artisti del calibro di Verrett, Aragall e Wixell. Il sottoscritto era presente e conferma che l'idea di una Tosca così perfettamente aderente al dettato di Puccini, raramente la si ascolta. Oren riesce ad ottenere da un'orchestra in ottima forma, la restituzione del suo colore originario, fatto di trasparenza, scintillio ed un colore chiaroscuro che lo pone diametralmente opposto al verismo più truce tanto in voga, riportandolo nei giusti binari del musicista raffinatissimo quale Puccini era.

Perfetto nei brevi interventi a conclusione del primo atto ed apertura del secondo, il coro della Fondazione Arena preparato da Vito Lombardi.

Al termine successo vivissimo per tutti.

Pierluigi Guadagni

 

LA   PRODUZIONE

 

Direttore                                           Daniel Oren 

Regia, scene, costumi e luci             Hugo de Ana

 

GLI   INTERPRETI

 

Tosca                                                 Saioa Hernàndez

Cavaradossi                                      Fabio Sartori 

Scarpia                                              Ambrogio Maestri 

Angelotti                                           Krzysztof Baczyk

Sagrestano                                        Biagio Pizzuti 

Spoletta                                             Roberto Covatta 

Sciarrone                                          Nicolò Ceriani 

Un carceriere                                    Stefano Rinaldi Milian 

Un pastorello                                    Enrico Ommassinì 

ORCHESTRA, CORO E TECNICI DELL'ARENA DI VERONA

Coro di Voci bianche A.LI.VE. diretto da Paolo Facincani 

Maestro del Coro Vito Lombardi 

Direttore Allestimenti scenici Michele Olcese.

FOTO ENNEVI - FODAZIONE ARENA DI VERONA

 

CARMEN, GEORGES BIZET , SFERISTERIO OPERA FESTIVAL...
RIGOLETTO, GIUSEPPE VERDI – SFERISTERIO OPERA FEST...

logo mtg footerTutti i diritti riservati