Cerca nel sito

STABAT MATER, GIOVANNI BATTISTA PERGOLESI – CONCERTO DI VICENZA IN LIRICA PRESSO IL SANTUARIO DELLA MADONNA DEI MIRACOLI IN LONIGO, DOMENICA 7 APRILE 2019

Screenshot-2019-04-08-17.20.56

Forse c’è una legge fisica o è soltanto frutto di un straordinaria congiunzione astrale, il fatto che molto spesso i grandi capolavori dell’arte in ogni sua sezione, siano frutto di menti tanto precoci quanto fugace è la loro permanenza in questo mondo. Tale fu per lo Stabat Mater composto dall’allora giovanissimo Giovanni Battista Pergolesi, che dalla splendida Jesi approdò al Conservatorio dei poveri di Gesù Cristo, nella fulgida Napoli brulicante di eccellenze e nel pieno del suo splendore culturale. Ormai alla fine di una vita segnata da numerosi problemi di salute, concepì appena in tempo uno dei capolavori indiscussi della musica sacra, il suo Stabat Mater appunto, che ieri ha riempito le arcate del santuario di Lonigo grazie alle voci di Giulia Bolcato, Maria Elena Pepi ed all’Ensemble Barocco Vicenza in Lirica diretto ed accompagnato al cembalo da Alberto Maron.

Spesso per ascoltare della buona musica ci si può anche allontanare dai grandi centri e scoprire non solo meraviglie della nostra architettura (il Santuario è una testimonianza importante delle diverse epoche storiche del nostro territorio sin dal Decimo secolo), ma anche eventi concertistici di fatto dal forte richiamo: l’enorme chiesa era infatti gremita in ogni angolo anche in piedi. Vicenza in Lirica è un festival nato nella città Berica che per volere del direttore artistico Andrea Castello vuole raggiungere anche i comuni più piccoli e non necessariamente limitrofi, ove si nascondono spesso sedi consone ad ospitare eventi del genere. Il Santuario di Lonigo non ha forse un’acustica da concerto, l’eco dei suoni è ovviamente più adatta ad una attività liturgica ed al risuonare dei fedeli in risposta al sacerdote, ma come cornice ad un canto sacro nel periodo pasquale è di certo indovinata.

La musica del marchigiano è altalenante come possono essere le emozioni di una giovane madre che vede impotente martirizzato il figlio e nelle sue parole (pare di Jacopone da Todi) si fonde l’impressione di ciò cui assiste come madre con ciò che uno qualsiasi di noi potrebbe provare nel vedere una scena del genere. Così a tratti emotivamente forti e languenti di dolore si alternano fugaci sprazzi di energia dettata dal conforto nella fede.  Coglie questa emotività nella notazione il Maestro Maron, che accompagna e dirige con attenzione simbiotica i solisti dell’Ensemble, in un continuum sonoro che sostiene, talvolta cullando, il duo vocale che si inserisce come un fiume il cui scorrere viene trattenuto e sorretto dall’argine musicale creato dal Maestro.  E’ sempre un piacere ascoltare la voce sinuosa e riccamente duttile di Giulia Bolcato, giovane ma già dalla carriera ben avviata in produzioni di rilievo, il cui impasto vocale crea un interessante contrasto, magnifico all’ascolto, con la voce scura e particolarissima dell’altrettanto giovanissima Maria Elena Pepi, una bella sorpresa. Non è facile ascoltare contralti dal timbro già così ben marcato, e che non necessita di alcuno sforzo nell’emettere i suoni gravi su cui appoggia il fiato e dall’emissione facilissima. Siamo curiosi di ascoltarla ancora su repertorio simile.

Il concerto è stato preceduto dal breve ma intenso pezzo di Vivaldi ‘Sinfonia al Santo Sepolcro’, per restare nei temi pasquali. Un breve interludio musicale al concerto, fatto di soli due movimenti che Vivaldi scrisse su commissione probabilmente per meditare sulla Passione di Cristo. Un momento di sospensione musicale, in attesa dell’esplosione del successivo ‘Stabat’, per preparare emotivamente e musicalmente l’ascoltatore.

Applausi prolungati e generosi consensi da parte di un pubblico molto attento. Replica il 20 aprile a Vicenza, chiesa di San Rocco.

Maria Teresa Giovagnoli

PROGRAMMA

ANTONIO VIVALDI: SINFONIA IN SI MINORE PER ARCHI E BASSO CONTINUO "AL SANTO SEPOLCRO", RV 169

GIOVANNI BATTISTA PERGOLESI: STABAT MATER

***

Giulia Bolcato           soprano

Maria Elena Pepi      contralto

Ensemble Barocco Vicenza in Lirica

Maestro direttore e concertatore al cembalo Alberto Maron.

MADAMA BUTTERFLY, GIACOMO PUCCINI - TEATRO VERDI D...
“L’Arca di Noè” di Britten al Cilea di Reggio Cala...

logo mtg footerTutti i diritti riservati