Cerca nel sito

FONDAZIONE ARENA DI VERONA, VERDI GALA – SABATO 08 AGOSTO 2020

VERDI_Gala_ArenadiVerona_Ennevifoto_186_20200808

Prosegue la stagione “alternativa” della Fondazione Arena di Verona con un Gala interamente dedicato ad alcune tra le arie ed i cori più celebri del compositore più amato dell'opera lirica, Giuseppe Verdi.

Oltre al tris d'assi, autentici fuoriclasse della scena odierna quali Francesco Meli, Luca Salsi ed Eleonora Buratto, abbiamo ritrovato Daniel Oren, direttore musicale ed “onorario” dell'orchestra veronese che conosce e dirige ininterrottamente da 36 anni.

In una alternanza omogenea di arie per tenore, baritono, soprano, coro, terzetto e brani strumentali, tutti rigorosamente verdiani, il concerto si è protratto per più di due ore senza intervallo, acclamato da un pubblico festante e numeroso.

Della voce di Francesco Meli c'è poco da dire, poiché è da parecchi anni una delle più belle voci di tenore lirico che si conoscano in attività. Voce di magnifico smalto e naturale lucentezza, dizione scolpita, volume e fraseggio da grande interprete: una prova che può dirsi non solo riuscitissima ma pressoché perfetta. Prova ne sono state la meravigliosa aria “ Ma se m'è forza perderti” dal Ballo in maschera eseguita con  una passione, un così struggente senso di rimpianto e rassegnato distacco da far rabbrividire. Da manuale poi l'eleganza e il raffinatissimo fraseggio del duetto di chiusura del primo atto di Otello in coppia con Eleonora Buratto. Finalmente si è ascoltato tutto ciò che è scritto in partitura incluso il finale in pianissimo.

E poi ancora un memorabile duetto da Don Carlo (“E'lui, desso, l'infante”) con Luca Salsi  e un terzetto con Eleonora Buratto dal Trovatore (Deserto sulla terra”).

Luca Salsi, baritono autentico fuoriclasse, probabilmente il migliore in circolazione, non è stato da meno. Anch'egli si è fatto valere in tutte le arie con un canto solido, fiero e struggente, tratteggiando a tutto tondo i vari personaggi. Suo cavallo di battaglia quel “Cortigiani, vil razza dannata” cantato con stupefacente facilità e perfezione d'intento che ha scatenato l'applauso del pubblico e richieste di bis.

Notevolissimo anche il duetto da Luisa Miller (“Andrem raminghi e poveri”) assieme ad Eleonora Buratto, autentico gioiello di bel canto.

Eleonora Buratto ha aperto la sua performance con una esecuzione di “Tu che le vanità”) notevolissima, tutta centrata sulla ricerca di un suono pulito e una dizione perfetta. La Buratto si è dimostrata una professionista di alto rango per tecnica ed interpretazione: attraverso una linea vocale ben tornita, con effetti quasi strumentali, un timbro morbido e prezioso in tutta la gamma, ha inanellato una serie di personali trionfi che hanno avuto culmine nella romanza del terzo atto di “Un ballo in maschera” - “Morrò, ma prima in grazia”.

Il coro dell'Arena di Verona si è diviso nella sezione maschile che ha cantato da Ernani, “Si ridesti il leon di Castiglia” e femminile che ha interpretato il coro delle streghe dal primo atto del Macbeth (“Che faceste? Dite sù!”) per poi assieme cantare da I Lombardi alla prima crociata “O signore dal tetto natio” e da Nabucco “Va pensiero” sempre con la consueta precisione nonostante le difficoltà oggettive dovute alla lontananza fisica.

Daniel Oren, che conosce ogni gradino dell'Arena di Verona, ha saputo gestire con mano ferma e precisa le difficoltà di una esecuzione non facile per le enormità logistiche della sistemazione di coro e orchestra, regalandoci con la sua consueta preparazione ed esperienza in questo repertorio, una serata indimenticabile.

Al termine successo entusiastico da parte di un pubblico numeroso e ben distanziato, che è stato ringraziato con il bis del “Va pensiero” eseguito incredibilmente fino all'ultima nota senza che il consueto applauso partisse anzitempo.

Pierluigi Guadagni

 

IL PROGRAMMA

Direttore d'orchestra Daniel Oren

Maestro del Coro Vito Lombardi

Soprano

Eleonora Buratto

Tenore

Francesco Meli

Baritono

Luca Salsi

 

Sinfonia (La forza del destino)

Francesco Meli, Luca Salsi                E lui! desso! L'Infante! (Don Carlo, Atto II)

Eleonora Buratto                               Tu che le vanità (Don Carlo, Atto V)

Luca Salsi                                             O Carlo, ascolta (Don Carlo, Atto IV)

Coro                               O Signore, dal tetto natìo (I Lombardi alla prima crociata, Atto IV)

Francesco Meli             O inferno!... Cielo, pietoso, rendila (Simon Boccanegra, Atto II)

Sinfonia (Luisa Miller)

Eleonora Buratto, Luca Salsi       Luisa!... Figlia mia!... Andrem, raminghi e poveri (Luisa Miller, Atto III)

Coro                                                 Si ridesti il leon di Castiglia (Ernani, Parte III)

Eleonora Buratto, Francesco Meli           Già nella notte densa (Otello, Atto I)

Luca Salsi                                        Cortigiani, vil razza dannata (Rigoletto, Atto II)

Coro                                                 Che faceste? Dite su! (Macbeth, Atto I)

Eleonora Buratto                             Morrò, ma prima in grazia (Un ballo in maschera, Ato III)

Francesco Meli         Forse la soglia attinse… Ma se m'è forza perderti (Un ballo in maschera, Atto III)

Coro                          Va',  pensiero (Nabucco, Parte III)

Eleonora Buratto, Francesco Meli, Luca Salsi          Tace la notte!... Deserto sulla terra… Di geloso amor sprezzato (Il Trovatore, Finale Parte I)

Orchestra e Coro dell’Arena di Verona

ENNEVI FOTO - FONDAZIONE ARENA DI VERONA

GALA LIRICO SINFONICO DELLA OPV AL CASTELLO CARRAR...
FONDAZIONE ARENA DI VERONA, WAGNER IN ARENA – VENE...

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to http://www.mtglirica.com/

logo mtg footerTutti i diritti riservati