In evidenza 

FONDAZIONE ARENA DI VERONA, CONCERTO DI GIOVANNI SOLLIMA, ORCHESTRA DELLA FONDAZIONE ARENA DI VERONA - TEATRO FILARMONICO 16 OTTOBRE 2021

FONDAZIONE ARENA DI VERONA, CONCERTO DI GIOVANNI SOLLIMA, ORCHESTRA DELLA FONDAZIONE ARENA DI VERONA - TEATRO FILARMONICO 16 OTTOBRE 2021

Protagonista dell’ undicesimo concerto della stagione sinfonica della Fondazione Arena di Verona è stato il celebre violoncellista e compositore Giovanni Sollima, che per la prima volta a capo dell'Orchestra areniana, si è prodotto in un concerto cross over particolarmente interessante.

Noto per aver radicalmente cambiato il modo di suonare il violoncello,  i suoi concerti entusiasmano da sempre il pubblico eterogeneo che lo segue con ammirazione, creando veri e propri happening events.  Forza fisica, postura armoniosa ed una pregevole capacità di improvvisazione sono le affilate armi di Sollima,  musicista borderline , interprete massimo della sintesi tra accademia e contemporaneità. Strepitoso sperimentatore di sonorità, effetti e tecniche esecutive nuove sul suo violoncello visionario, portato oltre la convenzione di suono al quale siamo abituati, nelle sue mani lo strumento diventa vibrante, un oggetto ligneo dalla voce suasiva e carnale capace di divenire il mistico tramite di un’ esperienza a 360 gradi.

Aperto con Hell I, tratto da Songs from the Divine Comedy, opera da camera a lui commissionata da Franco Battiato nel 2004 e dove sono confluite composizioni originali e altre precedenti frutto di un lungo e personale percorso che Sollima ha condotto sulla Divina Commedia, il concerto, senza soluzione di continuità,  è poi proseguito con il Concerto n. 2 in re maggiore per violoncello e orchestra Hob.VIIb:2 di Haydn.

Con la sua spiccata fluidità di scrittura e di idee che sembra derivare direttamente dai Quartetti composti appena due anni prima, il secondo concerto per violoncello e orchestra di Haydn, calza a pennello alla dirompente fisicità esecutiva di Sollima che pare godere della scrittura estremamente virtuosistica, spinta fino ai limiti del registro acuto dello strumento. Il virtuosismo di Sollima è scintillante ma non ostentato, con un naturale equilibrio tra dimostrazione di bravura e interesse puramente musicale, mentre sono evitati quei contrasti accesi e drammatici tra solista e orchestra tipici di una certa tradizione esecutiva.

Terra con variazioni per violoncello e orchestra di Giovanni Sollima, composto su commissione per l’ Expo2015, risulta un lavoro estremamente eterogeneo,  un progetto sorprendente – in bilico tra classica, folk music e rock – tanto nella scelta dell’organico quanto per il vero e proprio funambolismo cui obbliga il violoncello solista. che la bravura di Sollima permette di far germogliare, abbattendo le barriere che convenzionalmente  si instaurano tra i generi musicali, per tradizione, per pigrizia o forse per rasserenante comodità.

Il concerto si è quindi concluso con la Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21 di Ludwig van Beethoven, dove nella sua esecuzione Sollima ha saputo magnificamente filtrare il carattere della partitura bilanciando con finezza i richiami formali che guardano al passato e l’innovativa capacità di sintesi delle proporzioni architettoniche della prima sinfonia del genio di Bonn, assecondato da un’orchestra in splendida forma, reattiva e precisa.

Successo strepitoso per il Maestro Sollima da parte di un pubblico entusiasta, al quale si è congedato regalando una terzina di bis con trascrizioni che hanno spaziato tra Purcell e i Nirvana.

Pierluigi Guadagni

 

LOCANDINA

Giovanni Sollima

Hell I per orchestra da camera

Joseph  Haydn

Concerto n. 2 in re maggiore per violoncello e orchestra Hob.VIIb:2

 

Giovanni Sollima

Terra con variazioni per violoncello e orchestra

Ludwig van Beethoven

Sinfonia n. 1 in do maggiore op. 21

 

 

Orchestra della Fondazione Arena

Direttore e violoncellista: 

Giovanni Sollima

FOTO ENNEVI

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to http://www.mtglirica.com/