Le novità musicali di marzo - I libri Zecchini Editore

Una primavera ricca di letture.

 L’opera, il suo ricordo e i suoi strumenti: sotto questo cappello, forse in modo un po’ vago, potremmo includere le nostre cinque novità di marzo, che in qualche modo hanno a che fare con il teatro. Lo fa in maniera esplicita il volume di Paolo Petronio, che ripercorre in maniera singolare la vita e la produzione musicale di Puccini, ma anche quello di Vincenzo Ramón Bisogni, che sceglie tre figure femminili (Adriana, Violetta e Butterfly) per trarne altrettanti ritratti umani e musicali. Felice Todde, poi, compie una minuziosa analisi dei tre drammi spagnoli musicati da Verdi, mentre Piero Barbareschi, inventando la figura di un copista musicale alla fine del Settecento, ricostruisce un vivido quadro dei teatri, delle cappelle e degli artisti di quel periodo, tra Napoli, Venezia e Londra. E poi, dicevamo, gli strumenti: anche se entrerà nell’orchestra d’opera solo in un secondo momento, l’arpa è uno degli strumenti più affascinanti e imponenti costruiti dall’uomo, e Giuliano Marco Mattioli, nella sua minuziosa monografia, descrive l’evoluzione tecnica e musicale impressa dalle geniali idee della famiglia Érard.

Cinque novità, ma anche nuove edizioni importanti come la "Bibbia" dei percussionisti di Guido Facchin: "Le percussioni". 

 

Giuliano Marco Mattioli

LA FAMIGLIA ÉRARD

Un percorso storico fra documenti e strumenti musicali

Prefazione di Mara Galassi

 

Il nome Érard è noto per le più grandi innovazioni introdotte nella produzione dei pianoforti e delle arpe. Attraverso la ricerca condotta su documenti, manoscritti e strumenti musicali, si ricostruisce la storia dell'evoluzione delle arpe e dei progressivi rinnovamenti intrapresi sia sul piano costruttivo e tecnologico sia sul piano decorativo. L'incontrastata affermazione dell'azienda familiare Érard su scala mondiale – a cui si deve dare il merito anche alle due donne a capo dell'azienda, fino ad oggi trattate come semplici figure accessorie – giunge a un progressivo declino: l'affacciarsi di nuovi produttori tra Ottocento e Novecento porta ad una competizione al tempo stesso stimolante e soverchiante, giocata interamente sul terreno dell'ingegno meccanico e fisico e su strategie di comunicazione caustiche e spudorate, al limite della mistificazione. Ripercorrendo la parabola della famiglia Érard, si apre una nuova riflessione critica sullo sviluppo degli strumenti storici e sul loro valore, nell'ottica di un approccio storicamente informato nella prassi esecutiva musicale moderna.

 

  1. XX+412 - formato cm. 17x24 - Illustrato - Collana “Personaggi della Musica”, 31 -Euro 49,00

ISBN 978-88-6540-384-6

Per leggere la scheda clicca QUI

  

Piero Barbareschi

L’ULTIMA COPIA

Un viaggio musicale nell’Europa del Settecento

 

Autunno 1772. Un anziano copista musicale, Agostino Busetto, è costretto a fermarsi in una locanda di montagna durante il viaggio di ritorno verso Venezia, sua città natale. In un lungo dialogo con il proprietario ripercorre le tappe della sua vita e della sua carriera, consentendo al lettore di scoprire ed immergersi nell'affascinante mondo musicale dell'Europa del XVIII secolo.

Escludendo il protagonista tutti i personaggi sono reali e le vicende realmente avvenute nella cronologia descritta nella narrazione. Oltre a nomi celeberrimi come Bach, Haendel, Vivaldi, Porpora, Galuppi, Goldoni, Farinelli, che insieme a molti altri Busetto avrà la fortuna di incontrare, un altro personaggio realmente esistito compare inaspettato durante la narrazione condizionando la vita e le azioni del copista: Jan Dismas Zelenka. Autore ancor oggi troppo poco valorizzato, rappresenta con la sua musica straordinaria e la vita ammantata da un alone di mistero un tipico esempio di un musicista geniale che non riuscì a dominare e contrastare gli spietati meccanismi che, allora come oggi, regolavano e condizionavano la carriera e la fama degli artisti, nel suo caso esasperati a tal punto da provocare un totale ed ancora oggi inspiegabile oblio per quasi duecento anni.

 

  1. VI+170 - formato cm. 15x21 - Collana “I Racconti della Musica”, 58 -Euro 23,00

ISBN 978-88-6540-381-5

Per leggere la scheda clicca QUI

 

Felice Todde

TRE DRAMMI SPAGNOLI PER VERDI

Da Manrique a Manrico, da Bocanegra a Boccanegra, da Álvaro ad Alvaro

 

Da dove Giuseppe Verdi prese le mosse per la creazione del Trovatore, del Simon Boccanegra e della Forza del destino? Egli attinse ad altrettanti drammi spagnoli, molto popolari nel mondo iberico ma sinora quasi sconosciuti in Italia. Si tratta di: El trovador di Antonio García Gutiérrez, di Simón Bocanegra dello stesso autore, di Don Álvaro o la fuerza del sino di Ángel de Saavedra duca di Rivas. Furono drammoni di successo che caratterizzarono il Romanticismo teatrale in Spagna, pieni d'intrighi, sentimenti smisurati, amori, gelosie, colpi di scena.

Questo libro esamina in tre saggi le principali vicende di quei drammi e dei loro autori, il modo e le ragioni delle scelte da parte di Verdi, l'elaborazione di quei testi da parte del musicista e del librettista, la creazione delle opere liriche che ne derivarono nel loro rapporto con quelle fonti, sino alle vicende legate alla loro rappresentazione ed al loro esito.

Si riproduce inoltre il testo di quei tre drammi in lingua spagnola con la versione italiana a fronte. Il tutto nell'intento di dare un apporto nuovo alla conoscenza di tali fonti e di gettare nuova luce sulla genesi e i valori di tre capolavori verdiani.

 

Il libro contiene i testi teatrali e la versione italiana a fronte

  1. VIII+508 - formato cm. 17x24 - illustrato -Euro 45,00

ISBN 978-88-6540-383-9

Per leggere la scheda clicca QUI 

 

Paolo Petronio

LE OPERE DI GIACOMO PUCCINI

Una personalissima escursione

 

Chi non ha mai sentito nominare Puccini? O la Bohème? Certamente anche chi non ascolta opere ha sentito spesso questi due nomi. Di solito, però, tra gli appassionati d'opera, Puccini è noto per Manon Lescaut, Bohème, Tosca, Madama Butterfly e Turandot, e talora soltanto per brani celebri tratti da queste opere. Nella vasta letteratura riguardante Puccini quasi sempre ci si ferma soprattutto ai titoli citati. E pure libri che trattano Puccini nell'interezza del suo lavoro descrivono le opere senza entrare nei particolari più minuti. Insomma: di Puccini si sa praticamente tutto ma non con la necessaria profondità musicale. L'Autore, musicologo triestino e fervente ammiratore del compositore, ha deciso, partendo da una serie di conferenze illustrative delle opere pucciniane tenute negli anni passati, di riunire questi lavori riguardanti tutte le opere del compositore in una illustrazione completa, ma al tempo stesso chiara e dal linguaggio accessibile a tutti.

 

  1. XIV+250 - formato cm. 17x24 -Euro 29,00

ISBN 978-88-6540-382-2

Per leggere la scheda clicca QUI

 

 

Vincenzo Ramón Bisogni

REINVENTATE DAL VERO

Grandi Donne in Musica - Adriana, Violetta, Butterfly

 

Sensibilità vibratili più di altre inducono a volte lo spettatore (o lettore o qual altro sia) a immedesimarsi nei protagonisti di pièce e opere di fantasia, prolungandosi oltre la parola fine, specie se, da un vissuto trasfigurato ma non cancellato, siano state verdianamente reinventati dal vero in altra forma d'arte.

Ecco così, giunta da una coinvolgente comédie humaine, una triade di creature da melodramma, fra le più amate, reinventate in musica da Cilea, Verdi e Puccini: la Lecouvreur, Traviata e Butterfly.

Ne ripercorriamo qui le tranche de vie amaramente brevi per eventi che, in epoche e costumi diversi, ne precipitarono la conclusione.

 

  1. XVI+144 - formato cm. 15x21 - illustrato - Collana “I Racconti della Musica”, 57 -Euro 23,00

ISBN 978-88-6540-380-8

Per leggere la scheda clicca QUI

 

 

Non perdete lo sconto del 5%

Per ottenere lo sconto è sufficiente, durante l'acquisto,

inserire nella tendina del carrello "inserisci codice sconto" il codice SC5

Vi ricordiamo che con una spesa minima di 20 euro, le spedizioni in Italia sono gratuite.