Cerca nel sito

PRESENTATA OGGI LA NUOVA STAGIONE ARTISTICA DELLA FONDAZIONE TEATRO COMUNALE CITTA’ DI VICENZA

11 luglio 2018

È stata presentata oggi - mercoledì 11 luglio 2018 - la stagione artistica 2018/2019 del Teatro Comunale di Vicenza, la dodicesima dalla sua apertura, alla presenza del Presidente della Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, Roberto Ditri e del Sindaco di Vicenza, Francesco Rucco. Intervengono alla presentazione il Prof. Pier Luigi Sacco, Consigliere speciale del Commissario Europeo per l’istruzione e la cultura, Ordinario di Economia della Cultura all’Università IULM di Milano, Paolo Pigato, Presidente della Società del Quartetto di Vicenza, Franco Scanagatta, Presidente dell’Orchestra del Teatro Olimpico e Guido Beltramini, Direttore del Centro Internazionale di Studi di Architettura Andrea Palladio e del Palladio Museum, responsabile della sezione “Arte a Teatro. A casa per una sera” del Comunale. Sono presenti i responsabili artistici delle sezioni della programmazione, Loredana Bernardi per la Danza, Annalisa Carrara e Federico Corona per la Prosa. Festeggiati i 10 anni dall’apertura, dopo 11 stagioni di eccellenti risultati, il Teatro Comunale Città di Vicenza può affermare una raggiunta maturità non solo in termini di qualità e quantità dell’offerta di spettacolo dal vivo e nel rapporto sempre più stretto con i suoi pubblici, ma anche nelle sue funzioni di attrattore culturale in grado di creare un sistema di relazioni e generare valore artistico, sociale ed economico per la Comunità. 

Lo scenario

Che la cultura sia un asset importante per l'economia è un dato di fatto e nessuno mette più in dubbio che possa essere un fattore determinante per la qualità della nostra società, delle nostre città, della nostra produzione industriale, del nostro Paese. Come hanno dimostrato autorevoli studi su questo tema, e tra tutti il Rapporto annuale Federculture (riferito all’attività 2017) presentato qualche settimana fa al Mibact: il sistema produttivo culturale e creativo - composto da imprese, Pubblica amministrazione, no profit - genera più di 92 miliardi di euro e muove nell’insieme, attivando altri settori economici, 255,5 miliardi, ovvero il 16,6 per cento del valore aggiunto nazionale. E ancora: il sistema produttivo culturale e creativo assicura 1,5 milioni di posti di lavoro, ovvero il 6,1% del totale degli occupati in Italia. Posti che sono cresciuti nel 2017 dell’1,6%, più della media nazionale (+ 1,1%). E se questa è la tendenza nazionale (con le performing arts che registrano i tassi di crescita più sostenuti, con il valore aggiunto generato dagli spettacoli dal vivo aumentato del 9,5% e il numero degli occupati cresciuto dell’8,7%) il TCVI

sicuramente è un player di primo piano. Anche il dato economico dunque, testimonia l’importanza dei processi di contaminazione culturale e creativa.

Un Teatro virtuoso

Il Teatro Comunale Città di Vicenza si riconferma un Teatro virtuoso: è una struttura snella (9 addetti + i collaboratori) che genera un valore economico annuo di circa 3.000.000 di euro; il 2017 si è chiuso con un bilancio in attivo, con un fatturato complessivo di 3.048.366 euro; da segnalare come quasi il 50% (47%) dei ricavi sia frutto delle attività caratteristiche (vendita biglietti e abbonamenti, locazione sale e spazi), entrate che vanno a coprire interamente le spese artistiche, che quindi si autosostengono; il 14% proviene da contributi di enti pubblici, l’8% da sponsorizzazioni di aziende del territorio, il restante 32% dal fondo di gestione dei Soci.

Lo scenario non è ovviamente scevro da preoccupazioni: l’uscita della Banca Popolare di Vicenza a fine anno dal board dei Soci (31.12.2017) e quindi il venir meno della quota annuale di 200.000 euro, desta delle serie preoccupazioni per il bilancio 2018 e di conseguenza per il mantenimento

del livello qualitativo della proposta artistica; ha già annunciato la sua volontà di entrare nel board della Fondazione Intesa Sanpaolo, gruppo bancario leader in Italia, e sono al momento in fase di formalizzazione le procedure per l’ingresso.

L’importanza di investire in Cultura

L’attività della Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza, istituita nel 2007 per gestire il Teatro, è resa possibile grazie ai contributi dei soci, il Comune di Vicenza, la Regione del Veneto e la Fondazione Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona, che versano quote annuali che vanno a costituire il fondo di gestione; a queste entrate vanno ad affiancarsi il contributo di enti pubblici (come la Camera di Commercio) e l’importante sostegno economico di aziende private del territorio, partner e sponsor che, a vario titolo, credono nell’investimento in cultura. Nella stagione appena conclusa Gruppo Mastrotto, Develon, Colorcom sono stati partner del TCVI, mentre sono intervenuti in qualità di sponsor Gruppo AIM, Gruppo AFV Beltrame, Inglesina, Confartigianato Vicenza, Ferretto Group, Burgo Group, Confcommercio Vicenza, Anthea SpA, Gioiello Italiano, Lions Club Vicenza Palladio, Telemar, Cantine Vitevis, Gruppo ICM, Acciaierie Valbruna, Banca Popolare di Marostica, Poliambulatori San Gaetano, Loison e Il Giornale di Vicenza per la cultura come media partner.  È evidente un’intensificazione dei rapporti di relazione e scambio con le aziende e le organizzazioni del territorio che hanno compreso il ruolo di “moltiplicatore di idee” e generatore di valore reale del Teatro, dato che fa ben sperare, auspicando di condividere la visione e la crescita comune con sempre più numerose realtà imprenditoriali e stakeholder del territorio.

Innovazione e contaminazione

Incrementare la qualità della proposta artistica, ricercare e proporre nuovi scenari, crescere insieme ad un pubblico sempre più coinvolto e competente, fidelizzato e numeroso, (sono stati 3.500 gli abbonamenti venduti, 3.448 per l’esattezza e più di 70.000 gli spettatori, 72.243 considerando abbonati e spettatori con biglietto, nella stagione appena conclusa) fa parte della mission della Fondazione. Ma non è sufficiente; la Cultura in generale e le arti performative, core dell’attività della Fondazione, sono un campo aperto in cui sperimentare le capacità di innovazione trasversale (culturale, sociale, economico, di benessere della Comunità) per portarle in altri ambiti (produzione industriale, relazioni tra gli stakeholder del territorio, sviluppo locale). In questo senso proporre innovazione è parte integrante della mission e in questa vocazione si colloca il nuovo progetto della Fondazione coordinato dal Prof. Pier Luigi Sacco “Attraversa-menti” – il primo attivato in Italia in modo organico e trasversale su questi temi – volto a de-costruire il concetto di competenza acquisita e mettere in luce come il fare cultura in un certo modo possa rendere innovativo l’intero sistema che genera il processo.

Reti e partnership

Di fondamentale importanza per creare valore condiviso è il lavoro di rete “tessuto” con perseveranza dalla Fondazione: Il Teatro Comunale Città di Vicenza è capofila fin dalla creazione nel 2012 della rete Teatri Vi.Vi. (rete sostenuta dalla Camera di Commercio di Vicenza e dalla Regione del Veneto tra i Teatri di Vicenza e i maggiori centri della provincia, Arzignano, Bassano del Grappa, Lonigo, Montecchio Maggiore, Noventa Vicentina, Schio e Thiene), promotore e partner con la Fondazione Teatro Civico di Schio del nuovo Festival Danza in Rete; partecipa alle più importanti reti operative per la promozione della giovane danza d’autore a livello nazionale ed internazionale; realizza progetti teatrali integrati, come il recente ‘Cybercon: emozioni in rete’ in partnership con Gruppo AIM, dedicato al rapporto e all’uso della tecnologia nelle nuove generazioni

con particolare attenzione alla sostenibilità. Il Comunale di Vicenza aderisce anche al nuovissimo progetto di rete “Vivoteatro” promosso e sostenuto da Fondazione Cariverona, attualmente in fase di lancio,  che permetterà di promuovere programmi e attività dei principali Teatri delle province in cui opera la fondazione bancaria, offrendo vantaggi concreti al pubblico attraverso un portale dedicato e una speciale card personale.

Gli Amici del Teatro

Ma la capacità di fare sistema non è espressa solo dalle istituzioni: gli Spettatori, il Pubblico (o meglio i Pubblici, viste le numerose tipologie di partecipanti all’evento di spettacolo) avranno, a partire da questa stagione, la possibilità di diventare parte attiva nello sviluppo del Teatro come luogo di creatività e innovazione e scegliere di vivere “da protagonisti” la scena culturale del nostro territorio. Viene lanciata oggi la nuova iniziativa degli Amici del Teatro: cittadini, spettatori e aziende che con il loro contributo vogliono partecipare e far crescere questo bene comune e con un piccolo contributo annuale (da 50 euro a 250 euro, per info www.tcvi.it/amici-del-teatro) potranno sostenere specifici progetti di inclusione sociale e di formazione e godere al contempo di una serie di benefit e privilegi (scontistiche particolari, agevolazioni, partecipazione ad eventi esclusivi della nuova stagione, incontri con i protagonisti). Con questa iniziativa il TCVI intende costituire una vera e propria rete di sostenitori per avvicinare e coinvolgere sempre più cittadini e aziende di tutte le dimensioni, per far conoscere il Teatro Comunale come spazio aperto, vivo e attivo, con la sua variegata e qualificata offerta culturale. Un’impresa e una sfida per valorizzare il capitale umano, culturale e sociale in funzione di una crescita del Teatro, sempre più di Tutti i Cittadini e della Comunità.

Il cartellone

Sarà una stagione ricca di appuntamenti (oltre 100 date di spettacolo) e di suggestioni all’insegna del cross over dei generi artistici, quella che si aprirà al Teatro Comunale di Vicenza a fine ottobre con due spettacoli Fuori Abbonamento (l’omaggio musicale a Lucio Battisti di Bruno Conte a trent’anni dalla scomparsa del cantautore e il musical evergreen Jesus Christ Superstar), per concludersi a maggio con l’evento speciale Tecno-filò (Technology and me), di e con Marco Paolini una personalissima riflessione sull’uso delle nuove tecnologie, seguito dalla retrospettiva cinematografica ‘Racconto di un territorio’ dedicata a Jolefilm, la casa di produzione dell’autore.

Il cartellone contempla le sezioni “classiche” della programmazione - danza, danza al ridotto, prosa, prosa al ridotto, concertistica, sinfonica, gli spettacoli fuori abbonamento, la nuova sezione dedicata al circo e i Progetti Speciali con la sezione dedicata all’Arte curata da Guido Beltramini con nuovi interessanti sviluppi dopo il successo della prima edizione (inizio previsto in novembre con l’evento-spettacolo di Vittorio Sgarbi dedicato a Leonardo), la conferenza spettacolo di Marco Paolini e il Progetto Attraversa-menti curato dal prof. Sacco (vedi allegato).

Sono naturalmente presenti nella programmazione, anche se le date saranno disponibili dopo l’estate, gli appuntamenti del Cinema al Ridotto (danza, balletto e lirica spesso in diretta live dai più prestigiosi teatri del mondo, dal Bolshoi, dal Metropolitan e dalla Royal Opera House), i progetti educativi di #Tcvi Educational (Danzare per Educare, Opera Domani, il Teatro delle Emozioni), gli sviluppi dei progetti di audience development dedicati ad accrescere competente e coinvolgimento educativo nel pubbico.

La danza (consulenza artistica di Loredana Bernardi) è e resta il fiore all’occhiello del cartellone, con Vicenza Danza che giunge alla sua XXIII edizione; è una rassegna internazionale che porta in teatro le migliori compagnie e le espressioni più interessanti della scena contemporanea: nomi come Grupo Corpo, Hofesh Shechter, Paul Taylor Dance Company, il Ballet du Grand Théâtre de Genève e i sempreverdi Momix (che hanno scelto il Comunale per l’anteprima mondiale del nuovo spettacolo ispirato ad Alice nel Paese delle Meraviglie) a Vicenza sono conosciuti ed apprezzati proprio per i rapporti speciali con questo palcoscenico. Saranno presenti per la prima volta le coreografie dalle radici etniche di Hervé Koubi e il flamenco spettacolare e colto della Compagnia María Pagés. La Danza al Ridotto propone percorsi contemporanei, anche ironici, in grado di incontrare il gusto degli spettatori alla ricerca di nuovi linguaggi e sperimentazioni (D’Agostin, Michele Di Stefano, Nuovo Balletto di Toscana, Gribaudi saranno i protagonisti della scena). È programmata anche la seconda edizione di Danza in Rete Festival | Vicenza-Schio che già agli esordi ha messo in luce la capacità di fare proposte innovative e trasversali in ambito coreutico con i talenti emergenti del territorio e l’attività di scouting anche a livello internazionale.

La prosa (consulenza artistica di Annalisa Carrara e Federico Corona in collaborazione con Arteven) propone un mix di alto profilo che offre i vari volti del teatro d'oggi, dalla commedia alla narrazione con echi di letteratura e cinema. I nomi sono quelli di Angela Finocchiaro, la raffinata compagnia ungherese di teatro-circo Recirquel Company, Stefano Accorsi con una nuova versione dell'Orlando di Ariosto, Veronica Pivetti nel remake di Victor Victoria; e ancora Ambra Angiolini accompagnata dal vicentino Matteo Cremon, uno dei nuovi volti del teatro italiano interpreti de La guerra dei Roses  e poi due formazioni per due capolavori: un indiavolato Sogno di una notte di mezza estate (con Violante Placido, Stefano Fresi e Paolo Ruffini) e il capolavoro di Oscar Wilde L'importanza di chiamarsi Ernesto presentato dal Teatro dell'Elfo. In programma nella stagione in Sala Grande, ma in scena al Ridotto ci sarà Monica Guerritore con il ri-allestimento di un suo monologo di grandissimo successo, Giovanna D'Arco. Per la Prosa al Ridotto è previsto il gradito ritorno di Lucilla Giagnoni, mentre sono una novità su questo palcoscenico le talentuose Francesca Inaudi e Michela Cescon, attrice veneta particolarmente versatile. E  ancora novità con due commedie: Le prénom. Cena fra amici e Mister Green, prodotto dal Theama Teatro, protagonisti i bravissimi Massimo de Francovich e Maximilian Nisi.

Mix di generi e varietà saranno parole chiave anche nella programmazione degli spettacoli Fuori Abbonamento: dal recital musicale d’autore dedicato a Battisti al concerto pop di Loredana Bertè, al Comunale in dicembre in una delle prime tappe del suo nuovo tour teatrale; dal musical (Jesus Christ Supestar al Principe Ranocchio, i titoli in programma) ma anche l’operetta, le danze folkloristiche, il gospel, i Momix e il cabaret (con Alessandro Fullin e Geppi Cucciari come nomi).

La concertistica, sezione realizzata in collaborazione con la Società del Quartetto di Vicenza, prevede tredici concerti; come da tradizione l'offerta propone un repertorio vastissimo che mette al centro i grandi Maestri dell'epoca Barocca, Classica e Romantica (anche attraverso alcuni concerti monografici) con qualche sguardo retrospettivo (le antiche melodie dei popoli mediterranei), un ammiccamento agli autori dell'Est (Kodáli, Enescu, Dvorák e Čaikovskij), un assaggio di Francia (Ravel e Debussy) e un po’ di Novecento con Schönberg e Hans Werner Henze, un autore, quest'ultimo, davvero tutto da scoprire.

Sul fronte degli interpreti anche quest'anno faranno tappa a Vicenza, in esclusiva regionale, alcune fra le stelle più acclamate del panorama concertistico internazionale: i nomi  sono quelli di di Radu Lupu, Jordi Savall, Emanuel Ax, Yefim Bronfman, Isabelle Faust e del quarantunenne direttore d'orchestra Andrés Orozco-Estrada, che poco prima di arrivare al Comunale guiderà la Chicago Symphony Orchestra nella terza Sinfonia di Mahler.

La sezione sinfonica, realizzata in collaborazione con la OTO, l'Orchestra del Teatro Olimpico, ha in programma sei concerti più il tradizionale Gran Concerto di San Silvestro, presenta una programmazione con tante conferme e qualche interessante novità. Le conferme riguardano il nome di Alexander Lonquich, che proseguirà nel suo ruolo di direttore principale della OTO; il direttore tedesco (ma italianissimo d'adozione) guiderà l'orchestra in tre dei sei appuntamenti della stagione in abbonamento esibendosi  anche al pianoforte solo in un'occasione (nel Concerto di Mendelssohn per violino, pianoforte e orchestra). L'altra conferma è la “fisionomia” della OTO diventata sempre più una bottega d'arte, un laboratorio musicale di alta formazione al quale sono ammessi, dopo severe selezioni, i migliori giovani strumentisti “under 30” diplomatisi negli ultimi anni nei Conservatori di tutta Italia. La principale novità della stagione riguarda l'inserimento di un'orchestra ospite l'Orchestra Filarmonica di Torino; anche sul fronte della proposta musicale sono presenti ventate di musica nuova, spesso con brani mai ascoltati prima a Vicenza, privilegiando decisamente il repertorio del pieno Ottocento e del Novecento; il pubblico avrà modo di approfondire la conoscenza di autori come Hindemith, Richard Strauss, von Weber, Rachmaninov, Elgar, Brahms e Šostakovič.

Informazioni su spettacoli, biglietti e abbonamenti 

Il rinnovo degli abbonamenti inizia giovedì 12 luglio 2018 e proseguirà fino a martedì 31 luglio; riprenderà poi da martedì 11 a sabato 15 settembre, mentre giovedì 20 e venerdì 21 settembre sarà possibile effettuare il cambio posto o tipologia di abbonamento; i nuovi abbonamenti saranno in vendita da martedì 25 settembre, mentre i biglietti da martedì 2 ottobre.

Sono numerose le formule di abbonamento previste: oltre alle quattro sezioni classiche (danza, prosa, concertistica e sinfonica), sarà possibile acquistare l’abbonamento Mini-Danza (3 spettacoli nella recita pomeridiana della domenica), gli abbonamenti per la Danza e Prosa al Ridotto, il tradizionale Tutto Musica (che prevede complessivamente 19 concerti, ovvero la programmazione integrale delle sezioni sinfonica e concertistica) e l’abbonamento Musica Breve (8 concerti in date predeterminate). Anche per questa stagione la Prosa sarà “su misura” con 8, 7 o 6 titoli a scelta tra gli spettacoli in Sala Grande e al Ridotto); oppure 8 spettacoli di Prosa in Sala Grande oppure 5 spettacoli al Ridotto. è previsto anche l’Abbonamento Famiglia che prevede due spettacoli (1 musicale e 2 appuntamenti al Circo).

I prezzi degli abbonamenti hanno subito dei minimi ritocchi e molte agevolazioni sono offerte agli abbonati: sconti sull’acquisto di biglietti per il 71° Ciclo di Spettacoli Classici al Teatro Olimpico; sconti sull’abbonamento, come pure sui biglietti per gli spettacoli fuori abbonamento, per chi acquista più sezioni del cartellone.

I biglietti per gli spettacoli delle sezioni artistiche, che saranno in vendita da martedì 2 ottobre e fino alle date di inizio delle singole stagioni se non esauriti in prevendita; i prezzi sono vari, dai 50 euro (biglietto intero) per il Concerto di fine d’anno della OTO, ai 7 euro dei biglietti ridotti under 30 per gli spettacoli di Circo al Ridotto.

 

CALENDARIO STAGIONE 2018/2019

 

DANZA

 

domenica 11 novembre ore 20.45

unica data italiana

GRUPO CORPO

DANÇA SINFÔNICAGIRA (prima ed esclusiva italiana)

coreografia di Rodrigo Pederneiras

sabato 1 dicembre 2018 ore 20.45

prima ed esclusiva regionale

HOFESH SHECHTER COMPANY - SHECHTER II

SHOW - The Entrance - Clowns - Exit

coreografia e musica Hofesh Shechter

 

sabato 26 gennaio 2019 ore 20.45

domenica 27 gennaio 2019 ore 18.00

BALLET DU GRAND THÉÂTRE DE GENÈVE

CARMINA BURANA

coreografia Claude Brumachon

sabato 16 febbraio 2019 ore 20.45

domenica 17 febbraio 2019 ore 18.00

anteprima mondiale

MOMIX DANCE COMPANY

ALICE…ALICE…ALICE

coreografia Moses Pendleton

 

giovedì 28 febbraio 2019 ore 20.45

PAUL TAYLOR DANCE COMPANY

AIRS - BLACK TUESDAY - ESPLANADE 

coreografia Paul Taylor

 

sabato 23 marzo 2019 ore 20.45

prima ed esclusiva regionale

COMPAGNIE HERVÉ KOUBI

LES NUITS BARBARES

coreografia Hervé Koubi

 

sabato 13 aprile 2019 ore 20.45

MARÍA PAGÉS COMPAÑÍA

YO, CARMEN

direzione e coreografia María Pagés

 

DANZA AL RIDOTTO

sabato 23 febbraio 2019 ore 20.45

prima regionale

MARCO D’AGOSTIN

AVALANCHE

coreografia di Marco D’Agostin

venerdì 15 marzo 2019 ore 20.45

prima regionale

COMPAGNIA MK – MICHELE DI STEFANO

BERMUDAS

ideazione e coreografia Michele Di Stefano

sabato 30 marzo 2019 ore 20.45

prima regionale

NUOVO BALLETTO DI TOSCANA

PULCINELLA

coreografia di Arianna Benedetti

giovedì 11 aprile 2019 ore 20.45

SILVIA GRIBAUDI

  1. R. OSA_10 esercizi per nuovi virtuosismi

concept, coreografia e regia di Silvia Gribaudi

 

 

PROSA

 

martedì 6 novembre 2018 ore 20.45

mercoledì 7 novembre 2018 ore 20.45

prima regionale

ANGELA FINOCCHIARO

HO PERSO IL FILO

regia Cristina Pezzoli

venerdì 23 novembre 2018 ore 20.45

prima nazionale

RECIRQUEL COMPANY BUDAPEST

THE NAKED CLOWN

coreografia Bence Vági

 

giovedì 13 dicembre 2018 ore 20.45

venerdì 14 dicembre 2018 ore 20.45

sabato 15 dicembre 2018 ore 20.45

Sala del Ridotto

MONICA GUERRITORE

GIOVANNA D’ARCO

scritto e diretto da Monica Guerritore

venerdì 11 gennaio 2019 ore 20.45

sabato 12 gennaio 2019 ore 20.45

STEFANO ACCORSI

GIOCANDO CON ORLANDO - ASSOLO

adattamento teatrale e regia Marco Baliani

martedì 29 gennaio 2019 ore 20.45

mercoledì 30 gennaio 2019 ore 20.45

AMBRA ANGIOLINI, MATTEO CREMON

LA GUERRA DEI ROSES

regia Filippo Dini

 

giovedì 21 febbraio 2019 ore 20.45

venerdì 22 febbraio 2019 ore 20.45

VERONICA PIVETTI

VIKTOR UND VIKTORIA

regia Emanuele Gamba

martedì 19 marzo 2019 ore 20.45

mercoledì 20 marzo 2019 ore 20.45

STEFANO FRESI, VIOLANTE PLACIDO, PAOLO RUFFINI

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE

regia Massimiliano Bruno

mercoledì 3 aprile 2019 ore 20.45

TEATRO DELL’ELFO

L’IMPORTANZA DI CHIAMARSI ERNESTO

regia, scene e costumi Ferdinando Bruni e Francesco Frongia

 

PROSA AL RIDOTTO

 

giovedì 22 novembre 2018 ore 20.45

LUCILLA GIAGNONI

MARILYN

progetto e regia Michela Marelli

 

mercoledì 23 gennaio 2019 ore 20.45

FRANCESCA INAUDI

PREZIOSA

regia di Luca De Bei

giovedì 07 febbraio 2019 ore 20.45

MASSIMO DE FRANCOVICH e MAXIMILIAN NISI

MISTER GREEN

regia Piergiorgio Piccoli

venerdì 1 marzo 2019 ore 20.45

TEATRO STABILE DI GENOVA

LE PRENOM - CENA FRA AMICI

regia Antonio Zavatteri

giovedì 28 marzo 2019 ore 20.45

MICHELA CESCON

TALKING HEADS II

regia di Valter Malosti

CONCERTISTICA

Società del Quartetto di Vicenza

 

venerdì 9 novembre 2018 ore 20.45   
CHAMBER ORCHESTRA OF EUROPE

ANDRÉS OROZCO-ESTRADA direttore

NICOLAJ ZNAIDER violino

Kodály Danze di Galanta

Čajkovskij Concerto per violino in Re maggiore op. 35

Dvořák Sinfonia n. 7 in Re minore op. 70 (B. 141)

lunedì 26 novembre 2018  ore 20.45              
GRINGOLTS Quartet - META4 Quartet

Mendelssohn Ottetto in Mi bemolle maggiore per archi op. 20 (MWV R20)

Enescu Ottetto per archi in do maggiore, op. 7

lunedì 10 dicembre 2018 ore 20.45          
EMANUEL AX pianoforte

Schönberg Sei Piccoli pezzi per pianoforte op.19
Schumann Fantasiestücke op. 12
Ravel Valses nobles et sentimentales                                                             
Chopin Tre mazurche per pianoforte op. 50

Chopin Andante spianato e Grande polacca brillante op. 22

venerdì 21 dicembre 2018 ore 20.45
SCHOLA SAN ROCCO coro e orchestra

FRANCESCO ERLE direttore                                                                                   

per celebrare i 25 anni di attività della Schola San Rocco

Lotti Kyrie per la notte di Natale 1714 (prima esecuzione in tempi moderni)

Lotti Messa a tre cori e orchestra in Mi minore                                                          
Bach Cantata “Sehet, welch eine Liebe hat uns der Vater erzeiget” BWV 64 - Cantata per il Natale in Mi minore per soli, coro e orchestra

Bach Magnificat in Re maggiore BWV 243

mercoledì 9 gennaio 2019 ore 20.45              

FILIPPO GAMBA pianoforte                                                                                               
Integrale delle 32 Sonate per pianoforte di Beethoven – quinto concerto
Sonata op. 49 n. 1
Sonata op. 39 n. 2
Sonata op. 53 “Waldstein”
Sonata op. 54
Sonata op. 57 “Appassionata”

        

giovedì 24 gennaio 2019 ore 20.45

SCHAROUN ENSEMBLE BERLIN ottetto ad archi dei Berliner Philarmoniker 

Concerto per il giorno della memoria

Christophe Horak, violin; Rachel Schmidt, violino; Micha Afkham, viola; Claudio Bohorquez, violoncello; Peter Riegelbauer, contrabbasso; Alexander Bader, clarinetto; Markus Weidmann, fagotto; Stefan de Leval Jezierski, corno

Brahms Variazioni su un tema di Schumann op. 9 (trascrizione per ottetto di Detlev Glanert)   

Henze Quattro Fantasie per Ottetto                                                                                      

Beethoven Settimino op. 20

mercoledì 6 febbraio 2019 ore 20.45              

Jordi SAVALL lira de arco e rebab

DRISS EL MALOUMI oud

DIMITRI PSONIS SANTUR chitarra moresca e percussioni

ORIENTE – OCCIDENTE

Un Diálogo de las Ánimas

Un dialogo di musiche arabo-andaluse giudaiche e cristiane intorno al Mediterraneo

domenica 24 febbraio 2019 ore 20.45                        

ISABELLE FAUST violino

ALEXANDER MELNIKOV pianoforte

Integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven - primo concerto

Sonata in la minore n. 4 op. 23

Sonata in fa maggiore n. 5 op. 24 “La Primavera”

Sonata in sol maggiore n. 10 op. 96

sabato 9 marzo 2019 ore 20.45

YEFIM BRONFMAN pianoforte

Schumann Humoreske

Debussy Suite Bergamasque

Schubert Sonata in Do minore D 958

lunedì 18 marzo 2019 ore 20.45                                 

FRANCESCO BOSSONE fagotto

ALESSANDRO CARBONARE clarinetto

FRANCESCO DI ROSA oboe

GUGLIELMO PELLARIN corno

PIETRO DE MARIA pianoforte

Mozart Divertimento n. 1 per oboe, clarinetto e fagotto K 439b

Quintetto per pianoforte e fiati in Mi bemolle maggiore K 452

Beethoven Variazioni per oboe, clarinetto e fagotto sul tema 'La ci  darem la mano' di Mozart

Quintetto per pianoforte e fiati in Mi bemolle maggiore op.16

martedì 26 marzo 2019 ore 20.45                               

HÈSPEROS PIANO TRIO

Riccardo Zadra pianoforte                                                               

Filippo Lama violino

Stefano Guarino violoncello                                                             

Integrale dei Trii con pianoforte di Beethoven - quarto concerto                                 

Variazioni su tema originale op. 44 in Mi bemolle maggiore                  

Introduzione e Variazioni in sol maggiore sul Lied“Ich bin der Schneider Kakadu” op.121
Trio op. 1 n. 3 in Do minore

mercoledì 10 aprile 2019 ore 20.45                

RADU LUPU pianoforte
Schumann Kreisleriana op. 16

Schubert Sonata in Si bemolle maggiore D 960

lunedì 15 aprile 2019 ore 20.45                                  

SUOYEN KIM violino

Integrale delle sonate e delle partite di Bach secondo concerto

Partita n. 1 BWV 1002 in Si minore

Sonata n. 2 BWV 1003 in La minore

Sonata n. 3 BWV 1005 in Do maggiore

 

SINFONICA

Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza

 

lunedì 19 novembre 2018 ore 20.45
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO
ALEXANDER LONQUICH
direttore
VITTORIO BONGIORNO oboe          
Humperdinck Ouverture da “Hänsel und Gretel”
R. Strauss Concerto in Re maggiore per oboe e piccola orchestra                    
Hindemith Marsch über den alten "Schweizerton"
Weber Ouverture da “Il franco cacciatore”
Nicolai Ouverture da “Le Allegre Comari di Windsor”
J. Strauss Ouverture da “Il Pipistrello”

lunedì 17 dicembre 2018 ore 20.45
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO
ALEXANDER LONQUICH
direttore e pianoforte
ALESSANDRO MOCCIA violino

Weber Ouverture da “Euryanthe”                                                                                 

Mendelssohn Concerto in Re minore per violino, pianoforte e orchestra                                                     

Suppé Ouverture da “Cavalleria leggera”

Shostakovich Sinfonia n. 9 in Mi bemolle maggiore op. 70

lunedì 31 dicembre 2018 ore 22 (fuori abbonamento)
GRAN CONCERTO DI SAN SILVESTRO
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO                                                         
FEDERICO GUGLIELMO
direttore e violino
musiche di Händel, Johann e Josef Strauss, Brahms, Offenbach, Weber e Lumbye


lunedì 14 gennaio 2019 ore 20.45
ORCHESTRA FILARMONICA DI TORINO
GIAMPAOLO PRETTO
direttore
ANDREA LUCCHESINI pianoforte
Rachmaninov Concerto n. 2 in Do minore per pianoforte e orchestra op. 18
Dvořák Sinfonia n. 7 in Re minore op. 70

lunedì 18 febbraio 2019 ore 20.45      
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO                                                       
ALEXANDER LONQUICH
direttore
ENRICO BRONZI violoncello
GREGORY AHSS violino                                                                                                            
Brahms Doppio concerto in La minore per violino, violoncello e orchestra op. 102
Sinfonia n. 2 in Re maggiore op. 73


lunedì 4 marzo 2019 ore 20.45
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO                                                                                               

 ALEXANDER JANICZEK direttore e violino
Elgar Introduzione e Allegro op. 47 per quartetto d'archi e orchestra d'archi      
Haydn Sinfonia Concertante in Si bemolle maggiore (Hob. I/105)
Mendelssohn Sinfonia n. 3 in La minore op. 56 “Scozzese”

giovedì 4 aprile 2019 ore 20.45
ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO                                                       
GÁBOR TAKÁCS-NAGY direttore
Mozart Sinfonia n. 32 in Sol maggiore K 318
Haydn Sinfonia n. 90 in Do maggiore Hob:I:90
Brahms Sinfonia n. 1 in Do minore op. 68

CIRCO  novità 2018-2019

domenica 25 novembre 2018 ore 18.00

prima nazionale

RECIRQUEL COMPANY BUDAPEST

THE NAKED CLOWN

coreografia Bence Vági

domenica 3 febbraio 2019 ore 18.00

I FRATELLI CAPRONI

L’OMINO DEL PANE E L’OMINO DELLA MELA

ideato, scritto, diretto e interpretato da Alessandro Larocca e Andrea Ruberti

domenica 31 marzo 2019 ore 18.00

CIRCO E DINTORNI

THE BLACK BLUES BROTHERS

scritto e diretto da Alexander Sunny e Philip Barrel

FUORI ABBONAMENTO

CONCERTO

sabato 27 ottobre 2018 ore 21.00

BRUNO CONTE e la sua band

LUCIO BATTISTI il suono e l’anima

MUSICAL

martedì 30 ottobre 2018 ore 20.45

mercoledì 31 ottobre 2018 ore 20.45

TED NEELEY

JESUS CHRIST SUPERSTAR – Il Musical

regia Massimo Romeo Piparo

CIRCO

sabato 24 novembre 2018 ore 20.45

RECIRQUEL COMPANY BUDAPEST

THE NAKED CLOWN

coreografia Bence Vági

CONCERTO

venerdì 7 dicembre 2018 ore 21.00

LOREDANA BERTÉ

 

GOSPEL

domenica 23 dicembre ore 18.00

RODERICK GILES & GRACE

GOSPEL IN VICENZA 2018!

BALLETTO

martedì 1 gennaio 2019 ore 17.00

BALLETTO STATALE RUSSO “LEZGINKA“

CAUCASIAN PASSION

CABARET

sabato 19 gennaio 2019 ore 20.45

ALESSANDRO FULLIN

PICCOLE GONNE

regia Alessandro Fullin

OPERETTA con ORCHESTRA DAL VIVO

domenica 10 febbraio 2019 ore 16.00

COMPAGNIA TEATRO MUSICA NOVECENTO

LA DUCHESSA DEL BAL TABARIN

Orchestra “Cantieri d'Arte” diretta da Stefano Giaroli -  regia Alessandro Brachetti

DANZA

venerdì 15 febbraio 2019 ore 20.45

sabato 16 febbraio 2019 ore 17.00

MOMIX DANCE COMPANY

ALICE…ALICE…ALICE

coreografia Moses Pendleton

Anteprima Nazionale

MUSICAL

sabato 16 marzo 2019 ore 18.00

COMPAGNIA BIT

IL PRINCIPE RANOCCHIO

regia ed il libretto di Melina Pellicano

OPERETTA con ORCHESTRA DAL VIVO

domenica 17 marzo 2019 ore 16.00

COMPAGNIA TEATRO MUSICA NOVECENTO

ORFEO ALL’INFERNO - Operetta

Orchestra “Cantieri d'Arte” diretta da Stefano Giaroli -  regia Alessandro Brachetti

CABARET

venerdì 5 aprile 2019 ore 20.45

GEPPI CUCCIARI

PERFETTA

testi e regia Mattia Torre

PROGETTI SPECIALI

ARTE A TEATRO

giovedì 15 novembre 2018 ore 20.45

VITTORIO SGARBI

LEONARDO

di e con Vittorio Sgarbi

CONFERENZA SPETTACOLO

giovedì 2 maggio 2019 ore 20.45

MARCO PAOLINI

TECNO-FILÒ (Technology and me)

(Foto danza: Gabriele Zucca,foto Savall: David Ignaszewski)

Portofino 23-27 luglio | CLIP 4a edizione: torna l...
NABUCCO, GIUSEPPE VERDI – ARENA DI VERONA, SABATO ...

logo mtg footerTutti i diritti riservati