Cerca nel sito

CARMEN, GEORGES BIZET , SFERISTERIO OPERA FESTIVAL DI MACERATA - RECITA DI SABATO 10 AGOSTO 2019

A--okIuL

È stato il Festival dei record, dei sold out ed anche della beneficienza. Lo ha ricordato il Sindaco di Macerata Romano Carancini, nella serata conclusiva del Macerata Opera Festival che ha registrato un successo di pubblico davvero notevole, frutto di un grandissimo lavoro di equipe da parte dei professionisti che vi hanno preso parte e delle risorse a disposizione.

Con il tema ‘Rosso desiderio’ si è chiuso dunque il MOF 2019 con l’ultima recita di Carmen, la cui protagonista è paladina del desiderio di libertà e dell’amore senza catene. Lo stesso desiderio che muove anche i personaggi delle altre opere in cartellone che ricordiamo sono state Rigoletto e Macbeth. Jacopo Spirei ha ‘respirato’ come allievo le idee di Graham Vick che non è certo un tradizionalista, per cui era impossibile aspettarsi una Carmen ambientata tra le tipiche piazze spagnole con i toreri, le sigaraie vispe ed i costumi svolazzanti. La sua versione di Carmen, che ha costruito passo passo assieme al direttore Francesco Lanzillotta, quindi parallelamente ad uno studio attento della partitura, ha sicuramente tracciato i più significativi tratti del personaggio principale, così come di tutti gli altri che le ruotano attorno, trovando, con tutte le libertà che si è concesso, una giustificazione scenica alle milioni di cose che avvengono in uno spettacolo di impianto hollywoodiano, ma dal gusto parigino e con personaggi spagnoli.

Continua a leggere
  612 Visite

TOSCA DI G. PUCCINI, ARENA DI VERONA OPERA FESTIVAL – RECITA DEL 10 AGOSTO 2019

Tosca_100819_FotoEnnevi_151_20190810

Ennesima ripresa di Tosca alla Fondazione Arena di Verona, nella messa in scena di Hugo De Ana che inaugurò la stagione 2006. Spettacolo godibilissimo quello affrontato in toto da De Ana tredici anni fa che disegna una Roma circoscritta nell'ambito della piattaforma di Castel Sant'Angelo dove la spada e la testa dell'arcangelo Michele, fanno da sfondo a tutta la vicenda pucciniana.

Una vicenda a tratti cinematografica più che teatrale, dove i personaggi si muovono all'interno di una passione che può essere amorosa, politica o religiosa a seconda della situazione del libretto, con una particolare attenzione alla cura dei movimenti di ogni singolo interprete.

De Ana riesce a rendere spettacolare qualsiasi momento della tragedia, ad iniziare dalla cannonata (vera) che annuncia la fuga di Angelotti dalla prigione, passando per un Te Deum fatto di macabri figuri religiosi abbigliati con costumi sfarzosissimi, fino alla morte della protagonista non più esibita in un lancio dalla balaustra ma nella sua assunzione al cielo come una santa qualsiasi in un' estasi recondita. E' una Tosca tutto sommato di impianto tradizionale quella di De Ana che tanto piace al pubblico areniano e che riesce ad emozionare nella sua precisa semplicità.

Continua a leggere
  705 Visite

RIGOLETTO, GIUSEPPE VERDI – SFERISTERIO OPERA FESTIVAL DI MACERATA, REPLICA DEL 9 AGOSTO 2019

Rigoletto

In quanti e quali modi si sia trattato il difficile mondo del tragico gobbo deriso, la sua storia resta il simbolo di chi dalla condizione di incompreso e sbeffeggiato, passi amaramente dalla parte del torto e con le sofferenze più atroci. Il mondo di Rigoletto è lo stesso ovunque lo si voglia raccontare, perché tiranni vi furono in passato quanti ne esistono a iosa nel presente, così come tanti sono i disperati che si compromettono e si corrompono per la troppa sofferenza. In un turbinio di colpe ed accuse, la vita diventa una giostra su cui possono salire solo i più scaltri senza esserne scaraventati giù e malamente feriti. Così deve aver immaginato il regista Federico Grazzini il contesto del Rigoletto che debuttò nel 2015 e riproposto quest'anno allo Sferisterio di Macerata, riuscendo a trasporre il suo dramma dalla corte di Mantova del Sedicesimo secolo ad uno scalcagnato e maltenuto luna-park odierno, disegnato da Andrea Belli, popolato ormai solo da bande di malviventi di cui Rigoletto stesso è un membro. Unica sua gioia è la meravigliosa e pura figliola, nascosta da tanto lordume. Il regista ha pensato ad una ambientazione fosca e malavitosa costituita da una massa di sbandati tra cui l'ambulante Sparafucile col suo sudicio chiosco, sua sorella che frequenta solo prostitute, e Rigoletto appunto, confinato in una roulotte con Gilda. A completare il quadro sono le numerose comparse/mimi che compongono le bande di malavitosi, spesso impegnati in coreografie un po' grottesche ma che alleggeriscono di non poco la tensione. Come a conclusione di un delirio generale in cui è coinvolta la sua esistenza, Rigoletto, che per la verità sembra più in preda ai sintomi di una forte sciatica piuttosto che affetto da deformità, si accomiata dallo spirito della figliola ormai deceduta percependone l'immagine fisica, perché come sappiamo bene l'amore continua oltre la materia terrena. Di sicuro impatto sono le luci rielaborate da Ludovico Gobbi che ottiene per ogni situazione la giusta sfumatura andando a colpire lo sguardo di chi osserva con i suoi colori accesi. I costumi adeguati al contesto sono di Valeria Donata Bettella

Continua a leggere
  612 Visite

TRAVIATA, GIUSEPPE VERDI – REPLICA DI GIOVEDI' 8 AGOSTO 2019 ALL’ ARENA DI VERONA

main.LaTraviata_210619_FotoEnnevi

Dopo sei recite siamo tornati all’Arena di Verona per rivedere questo allestimento di Traviata che ha segnato come tutti sanno il commosso addio della città di Verona al Maestro Franco Zeffirelli. Arrivata alla settima recita, dopo circa un mese e mezzo dall’inaugurazione, lo spettacolo che abbiamo recensito in quella occasione  (http://www.mtglirica.com/categorie/recensioni/traviata-giuseppe-verdi-inaugurazione-festival-arena-di-verona-21-giugno-2019.html) registra ancora un buon riscontro di pubblico e, dopo il pienone della serata speciale del 1^ agosto, ha visto anche in questa replica successiva riempire le gradinate e lasciar soltanto pochissimi settori della platea inoccupati. Segno che il richiamo del regista fiorentino è ancora vivo nel pubblico e soprattutto il capolavoro verdiano richiama ancora folle di appassionati sognatori. Lo spettacolo è apparso ormai rodato e scorrevole, ed anche acusticamente pare che gli artisti vengano indirizzati al meglio su come porsi affinché il suono si espanda verso l’esterno e non rimanga intrappolato nelle ricche scenografie. Come detto all’inaugurazione, forse lo spettacolo si presta maggiormente alle riprese televisive che possono ‘entrare’ nella casa a due piani ove si svolgono le azioni, mentre il pubblico nell’anfiteatro fatica un pochino soprattutto se in platea a coglierne tutti i particolari. Ecco perché ci ha fatto piacere ritornare, per avere una ulteriore visione dell’allestimento, che conserva il gusto dei merletti e degli ori degli allestimenti ultra classici.

Continua a leggere
  611 Visite

A Gerace “Il carnevale degli animali”: una notte delle stelle in musica.

manifesto100X70_-carnevale-2019

COMUNICATO STAMPA

All’interno della programmazione della 13ª edizione del Festival di Musica Classica della Locride realizzata dall’Accademia Senocrito e iniziata il 13 luglio, il 10 luglio, in Largo Chiappe, la più famosa opera di Saint Saëns per due pianoforti e orchestra con Annunziato Gentiluomo come voce narrante. 

Anche quest’anno l’Accademia Senocrito, presieduta da Adriana Caccamo e di cui è Direttore Artistico il M° Loredana Pelle, presenta, nel periodo estivo, la 13ª edizione del Festival di Musica Classica della Locride, iniziata il 13 luglio con un concerto per pianoforte a quattro mani tenuto dal duo Sansalone - De Santis, e caratterizzata da una ricca programmazione di eventi artistici di particolare interesse musicale e, in alcuni casi, innovativi, sia per la scelta sia per il coinvolgimento di giovani musicisti.

Dopo il concerto per violino e pianoforte del duo Coniglio del 3 agosto e concerto Lirico di stasera, 7 agosto, nella Chiesa di San Francesco col tenore Aleandro Mariani e la pianista Anna Lucia Trimboli, sarà presentato il primo degli eventi centrali della rassegna. Infatti, il 10 agosto, nello splendido scenario che caratterizza Largo Chiappe per la presenza della maestosa Basilica minore di Maria SS. Assunta, verrà eseguita la più famosa opera di Camille Saint-Saëns per due pianoforti e orchestra: la grande fantasia zoologica de “Il carnevale degli animali”. Maria Condò e Angela Bumbaca siederanno ai pianoforti mentre l’Orchestra Senocrito, diretta dal M° Saverio Varacalli, interpreterà l’opera che sarà introdotta dal M. Loredana Pelle e guidata dalla voce narrante di Annunziato Gentiluomo.

“Il carnevale degli animali”, composta nel 1886 a Vienna, venne eseguita privatamente nel 1887, in occasione della festività del martedì grasso. Per volere dello stesso Saint-Saëns, l'opera doveva essere eseguita pubblicamente solo dopo la sua morte. La sua prima fu il 26 febbraio 1922, ben trentasei anni dopo la sua composizione e un anno dopo la morte del compositore, divenendo la musica più caratteristica di Saint-Saens per i suoi toni umoristici e canzonatori. Ciascuno dei quattordici brevi brani è riferito a un animale. La comicità di ognuno è data anche dalle citazioni esplicite di brani o motivi conosciuti, che indurranno nel pubblico non poche risate.

L’ingresso all’evento è gratuito.

La programmazione del Festival continua poi col secondo grande evento, ovvero “Histoire du soldat” di Igor Stravinskij su testo di Charles-Ferdinand Ramuz, rappresentato il 18 agosto a Gerace - Largo Chiappe; il 19 agosto a Portigliola nel Teatro Greco Romano; e il 21 agosto a Soverato nell’Anfiteatro Comunale.

“E siamo giunti alla tredicesima edizione. Ricordo quando muovevamo i primi felpati passi, ma animati sempre dalla passione per l’arte e la musica. Quest’anno la programmazione è ricca e per certi versi innovativa. Speriamo di essere sempre seguiti da un pubblico che abbia voglia di godere di buona musica  e di farsi emozionare. Crediamo nel grande potere trasformativa della musica e riteniamo che sia un motore importante per il cambiamento sociale”, afferma il M. Loredana Pelle.

“Ho subito accettato l’invito dell’Accademia Senocrito con cui collaboro in altre vesti ormai da un anno. Mi sono rimesso a studiare col mio maestro, l’attore Luca Lamberti, rispolverando reminiscenze di diversi anni or sono. È un modo per mettermi in gioco e soprattutto per dare il mio contributo, in questo caso la mia voce, a un progetto importante che ha l’obiettivo di portare l’arte nelle case di tutti e soprattutto coinvolgere anche i piccini in un gioco umoristico e fantastico. Evviva l’arte! Evviva la musica!”, conclude Annunziato Gentiluomo.

Continua a leggere
  371 Visite

R. WAGNER, TRISTAN UND ISOLDE, BAYREUTHER FESTSPIELE – GIOVEDÌ 1 AGOSTO 2019

tristan-2019-2

Raramente ascoltando musica ci si trova immersi totalmente in una atmosfera come con Tristan und Isolde. Il leggero didascalismo che sta nascosto negli altri drammi di Wagner qui scompare; la musica lo brucia inesorabile, è musica che arde di passione viva, sanguigna  che ha il colore dell'ebbrezza. Opera eccezionale, sì. Musica che sembra perduta in una febbre senza orizzonti come il delirio di Tristan ferito, una partitura alla quale attorno è rimasto un alone di eccezionalità, una etichetta che vorrebbe legarla alle future evasioni atonali della seconda Scuola di Vienna: la “rivoluzione cromatica” del Tristan.

Se poi si pensa che nello stesso anno, 1858, Verdi musicava “Un ballo in maschera”, l'idea di un fatto eccezionale si riaffaccia.

Ascoltare quest'opera nel “tempio” del Festspielehaus di Bayreuth, teatro consacrato alla musica di Wagner, con tutto il suo carico di storia, anche imbarazzante, che lo pervade, è sensazione nella sensazione, stupore nello stupore, soprattutto in quella scatola sonora che è appunto la sala del Festspielehaus dove la perfezione acustica raggiunge risultati insuperati, dove il suono dell'orchestra nascosta emerge da abissi misteriosi e si mescola con le voci per roteare nella sala e il risultato acustico si trasforma in pura magia sensoriale.

Da quando, nel 1951 dopo la catastrofe del nazismo, vi fu la riapertura del teatro con alla guida i nipoti del Maestro, la storia degli allestimenti di Bayreuth si trasforma da pura messinscena pittorica ed esaltativa a ricerca critica ed analitica dei lavori di Wagner.

Continua a leggere
  632 Visite

IL DEBUTTO DI EZIO BOSSO IN ARENA CON I CARMINA BURANA DI CARL ORFF PER IL FESTIVAL 2019, domenica 11 agosto ore 21.45

Carmina Burana all’Arena di Verona, 2014 ©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona Carmina Burana all’Arena di Verona, 2014 ©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona

CARMINA BURANA

di Carl Orff

Arena di Verona

Domenica 11 agosto - ore 21.45

 

Direttore: Ezio Bosso

Solisti: Ruth Iniesta, Raffaele Pe, Mario Cassi

Orchestra e Coro della Fondazione Arena di Verona

 

Domenica 11 agosto il grande affresco di poesia medievale in musica risuonerà per la terza volta tra le antiche pietre areniane per festeggiare l’atteso debutto del Maestro Ezio Bosso sul più grande e antico palco lirico del mondo in una stagione che ogni giorno si arricchisce di importanti presenze internazionali. Protagonisti della serata l’Orchestra areniana, le voci del Soprano Ruth Iniesta, del Controtenore Raffaele Pe e del Baritono Mario Cassi, il Coro diretto da Vito Lombardi e il doppio Coro di voci bianche – con oltre 60 bambini – A.d’A.MUS diretto da Marco Tonini e A.LI.VE diretto da Paolo Facincani.

Repertorio tra i più trascinanti ed evocativi del panorama classico, trasversalmente divulgato da cinema e televisione tanto da essere molto noto anche al grande pubblico nei suoi momenti di maggiore potenza espressiva, i Carmina Burana furono presentati la prima volta in Arena con indiscusso successo nel 2014 e 2015 e tornano oggi in stagione con l’apporto fondamentale del Maestro Ezio Bosso nel suo attesissimo e lungamente preparato debutto in Arena.

Continua a leggere
  1053 Visite

CON LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA UNA FIESTA HISPANICA SUL MONTE BALDO !!

CON LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA UNA FIESTA HISPANICA SUL MONTE BALDO !!
 

FIESTA HISPANICA

CON L'ARENA SUL MONTE BALDO

Ritmi e colori di Spagna per l’atteso appuntamento ad alta quota

Mercoledì 7 agosto 2019, ore 14.30

Monte Baldo, Località Pozza della Stella

 

Per la prima volta raddoppia l’appuntamento organizzato dalla Funivia Malcesine-Monte Baldo e i complessi artistici della Fondazione Arena di Verona. Si comincia mercoledì 7 agosto 2019 alle ore 14.30 con il Ballo dell’Arena, la star dell’opera Géraldine Chauvet e Patrizia Quarta al pianoforte in un programma dedicato ai ritmi e ai colori spagnoli nelle opere di Verdi e di Bizet.

Nel 2019 ricorre la tredicesima edizione per la lirica in alta quota. Quest’anno saranno due gli spettacoli-concerto organizzati dalla Funivia Malcesine-Monte Baldo in collaborazione con la Fondazione Arena di Verona a distanza di due settimane. Il primo imperdibile ed inedito appuntamento vede protagonista il Ballo dell’Arena di Verona coordinato dai Maîtres de Ballet Gaetano Petrosino e Ludovica Ferrigni con la partecipazione straordinaria di Géraldine Chauvet accompagnata al pianoforte da Patrizia Quarta, Maestro Collaboratore della Fondazione.

Il programma è una grande Fiesta hispanica, animata dalle pagine più celebri di Bizet e da alcuni brani verdiani destinati anche alla danza: come la festa di La Traviata e il balletto de Il Trovatore, di rarissima esecuzione. La presenza della star dell’opera Chuavet non è casuale: il mezzosoprano francese è infatti specialista del ruolo di Carmen, che ha interpretato in tutto il mondo e dal 2009 all’Arena di Verona, dove è appena tornata protagonista per due recite.

Il programma musicale e la suggestiva cornice del Monte Baldo affacciata sul lago di Garda offrono un connubio perfetto di arte e natura che continua a richiamare dal 2004 un grandissimo numero di veronesi e appassionati. La manifestazione è ad ingresso gratuito e si svolgerà in Località Pozza della Stella alle 14:30.

Per informazioni:

Funivia Malcesine Monte Baldo

Via Navene Vecchia, 12 - 37018 Malcesine (VR)

Tel. +39.045.7400206 - Fax +39.045.7401885

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.funiviedelbaldo.it

Continua a leggere
  488 Visite

Orazio Sciortino, virtuoso del pianoforte, esegue, il 12 settembre, l’integrale delle Parafrasi verdiane di Franz Liszt per riaprire la stagione al Lirico di Cagliari.

Sciortino

La Stagione concertistica 2019 del Teatro Lirico di Cagliari prosegue, giovedì 12 settembre alle 20.30 (turno B), con l’undicesimo appuntamento che presenta il raffinato recital di Orazio Sciortino, proficuo compositore ed eccellente pianista siciliano (ma trapiantato a Milano) che, dopo la prima esecuzione del suo Sol Invictus nel dicembre 2016, si presenta di nuovo al Teatro Lirico, questa volta nella veste di solista al pianoforte, per eseguire integralmente le Parafrasi e trascrizioni sulle opere di Giuseppe Verdi di Franz Liszt.

Prezzi biglietti: platea € 35,00 (settore giallo), € 30,00 (settore rosso), € 25,00 (settore blu); I loggia € 30,00 (settore giallo), € 25,00 (settore rosso), € 20,00 (settore blu); II loggia € 10,00 (settore giallo), € 10,00 (settore rosso), € 10,00 (settore blu).

Sono disponibili  i biglietti per tutti gli spettacoli della Stagione concertistica; lo stesso servizio è possibile anche online attraverso il circuito di prevendita www.vivaticket.it.

Ai giovani under 30 sono applicate riduzioni del 50% sull’acquisto di abbonamenti e biglietti. Ulteriori agevolazioni sono previste per gruppi organizzati.

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 - 0704082249, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it.

Continua a leggere
  554 Visite

Premio Internazionale Maria Callas 2019 VI Edizione  al soprano Raina Kabaivanska

FullSizeRender-30-07-19-12-27

2 Agosto 1947- 2 Agosto 2019
Happy birthday Maria Callas!

Il “crescendo” del Festival Internazionale Maria Callas tra Verona, Busseto e  Fiuggi per nuove attività in nome di Maria Callas.

Il Festival Internazionale Maria Callas nasce a Verona il 2 Dicembre 2013 per il 90° anniversario della nascita del grande soprano.
Il motto che lo caratterizza è Happy Birthday Maria Callas! perché dalla prima edizione si svolge tra due date significative: il 2 Dicembre, giorno della nascita dell’artista e il 2 Agosto, data del suo debutto areniano.

Il festival giunge quest’anno alla sua VI Edizione e conferma le collaborazioni e nuove partnership con lo sguardo verso New York per il 2023, anno del Centenario della nascita della “Divina”.

Tra le collaborazioni nate con il Festival si evidenzia quella con la Warner Classics, che dal 2014 segue le attività del festival con l’ascolto esclusivo delle incisioni di Maria Callas, quella con l’Istituto Luce di Cinecittà per i contributi video, quella con il Museo della Radio di Verona per la sua collezione di grammofoni e dischi d’epoca, quella con lo storico Circolo Tullio Serafin e dal 2018 quella con l’Accademia Renato Bruson di Busseto e con RETE DUE della Radiotelevisione Svizzera italiana.

Tra le attività già inaugurate nella scorsa edizione si rinnova anche quella con il Comune di Fiuggi che sarà partner fisso fino al 2023 con “La Lirica dellAcqua”: progetto culturale guidato dal Festival che prevede conferenze, Master class, concerti e la partecipazione di artisti di fama internazionale.

Fiuggi si inserisce nell’ambito del Festival inaugurando le Lyric Signature Collections, pregiate etichette artistiche di Albano Poli che impreziosiranno le 100 bottiglie numerate per ogni edizione del Festival, fino alla Collection Gold prevista per le celebrazioni del 2023.

Continua a leggere
  556 Visite

IL TROVATORE, GIUSEPPE VERDI - ARENA DI VERONA, RECITA DEL 26 LUGLIO 2019

IlTrovatore_260719_FotoEnnevi_FNNV1088_20190726

Arrivato al capolinea anche questo Trovatore firmato per regia da Franco Zeffirelli e riproposto dalla Fondazione Arena di Verona, che ha visto nelle ultime due recite un cambio di cast nei personaggi principali.

L'allestimento, inaugurato nella stagione 2001, è probabilmente il lavoro meglio riuscito del maestro fiorentino per la Fondazione Arena di Verona dove, oltre alla solita sarabanda di comparse, animali, armigeri, zingarelle, fuochi fatui e veri, suore e preti con ceri, troviamo anche una eleganza nell'insieme che ne mitiga gli effetti di kitsch surreale tanto caro a Zeffirelli e che piace immensamente al pubblico veronese, avido di colori e colpi di scena a basso costo intellettivo.

Il versante musicale però non è stato per nulla scontato e kitsch, anzi.

Continua a leggere
  726 Visite

La traviata degli specchi a Lubiana col regio di Torino

Traviata_1015

Festival di Lubiana

Il Regio porta La traviata in Slovenia

I complessi artistici del Teatro Regio invitati al 67° Festival di Lubiana, con La traviata di Brockhaus e Svoboda, dirige il maestro Renzetti

Cankarjev dom, mercoledì 28 e giovedì 29 agosto 2019, ore 20

Il Teatro Regio è stato invitato a partecipare alla 67a edizione del Festival di Lubiana, in Slovenia, dove mercoledì 28 e giovedì 29 agosto alle ore 20 porterà in scena La traviata di Giuseppe Verdi al Cankarjev dom, il più grande centro culturale sloveno. Donato Renzetti, sul podio dell’Orchestra e Coro del Regio, interpreta il capolavoro del compositore di Busseto. Il Regio porta a Lubiana il leggendario allestimento della Traviata con regia e luci diHenning Brockhaus e scene di Josef Svoboda, proveniente dallo Sferisterio di Macerata e dalla Fondazione Pergolesi-Spontini di Jesi.

Il Festival di Lubiana, grazie alla sua lunga tradizione e al suo programma di altissimo livello, contraddistingue significativamente la proposta culturale della capitale slovena, arrivando negli ultimi anni a proporre fino a 80 eventi di diverso genere e accogliendo più di 80.000 spettatori. Dal 1953, il Festival ha ospitato, nei numerosi palchi disseminati per la città, opera, performance, concerti, teatro, danza, arti visive. Negli corso degli anni hanno partecipato grandi nomi tra i quali Krzysztof Penderecki, Riccardo Muti, Valery Gergiev, Vladimir Ashkenazy, Julian Rachlin, Angela Gheorghiu; e celebrate orchestre come la New York e la Israel Philharmonic Orchestra, la Royal Philharmonic Orchestra di Londra, l‘Orchestra del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo e teatri d’opera come La Scala di Milano.

Continua a leggere
  603 Visite

COSCOLETTO O IL LAZZARONE DI JACQUES OFFENBACH ALL’ARENA SHAKESPEARE DI PARMA PER FONDAZIONE TEATRO DUE - GIOVEDI’ 25 LUGLIO 2019

Coscoletto

L’espressione ‘bella Napoli’ racchiude in sole due parole tutto il profumo, i sapori e le atmosfere di una città simbolo di arte e di bellezza che nei secoli ha ispirato artisti di tutto il mondo a recarvisi per ammirare non solo le meraviglie architettoniche, la simpatia e l’ ospitalità un po’ folcloristica dei suoi abitanti, ma in molti casi anche per assaggiare le sue prelibatezze culinarie famose in ogni continente. Chissà che fama avevano ai tempi di Offenbach i ‘maccaroni’ (come chiamati nel libretto tedesco) per farne addirittura il fulcro di una delle sue operette, che a distanza di un secolo e mezzo finalmente arriva in Italia grazie alla sinergia di intenti tra il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca, La Toscanini e la Fondazione TeatroDue di Parma.

Continua a leggere
  785 Visite

AIDA, GIUSEPPE VERDI, ARENA DI VERONA, REPLICA DEL 24 LUGLIO 2019

main.Aida_210719_FotoEnnevi_MMF2930_20190721

Dici Arena di Verona ed è subito Aida.

Opera simbolo dell'anfiteatro veronese, presenza fissa e costante nel cartellone dal lontano 1913, Aida è ormai come una mamma buona che ti accoglie tra le sue braccia e ti rassicura qualunque sia il cast, allestimento o direzione d'orchestra, in barba alle temperature più torride (come in questo caso) o ai temporali più catastrofici.

Quest'anno è stata riproposta nell'allestimento storico del 1913 con la regia evergreen di Gianfranco De Bosio (notevolmente migliorata con le nuove luci di Paolo Mazzon) e la coreografia anni '80 di Susanna Egri.

E' l'Aida che tutti vorremmo vedere con le sue belle palme verdi, le foreste imbalsamate, i papiri del Nilo, i cavalli che trottano, il trono extralarge di Radamès per il suo trionfo, il corpo di ballo con gli stivaletti che danza la battaglia tra egizi ed etiopi per la conquista della bella mora, ovviamente gli etiopi brutti cattivi e sporchi e gli egizi belli ricchi e puliti, e le trombe in bella vista a completare il quadretto oleografico.

Continua a leggere
  722 Visite

Chiusura col botto in Sardegna con "Una notte all'opera" a Laconi, Carloforte, Fonni, Barumini

Palazzo-Aymerich-Laconi

comunicato stampa

Una notte all’opera: celebri e popolari arie, duetti, quartetti e canzoni

in tournée a Laconi, Carloforte, Fonni e Barumini

Venerdì 26 luglio alle 21, nella Corte interna di Palazzo Aymerich a Laconi, si tiene il terzo ed ultimo appuntamento dell’Attività musicale estiva 2019 del Teatro Lirico di Cagliari che propone una serata, intitolata Una notte all’opera, interamente dedicata a celeberrime arie, duetti, quartetti e canzoni tratte da altrettanto popolari opere liriche, operette, musical e film, nell’interpretazione di: Elena Schirru (soprano), Martina Serra (mezzosoprano), Enrico Zara (tenore), Nicola Ebau (baritono). L’accompagnamento al pianoforte è di Francesca Pittau.

Il programma della serata offre all’ascolto del pubblico: Tu che m’hai preso il cor da Il paese dei campanelli di Franz Lehár; Summertime da Porgy and Bess di George Gershwin; Moon River da “Colazione da Tiffany” di Henry Mancini; L’amour est un oiseau rebelle da Carmen di Georges Bizet; Pa-Pa-Pa-Pa-Papagena! da Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart; Bella figlia dell’amore da Rigoletto di Giuseppe Verdi; Udite, udite o rustici da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti; Tace il labbro da La vedova allegra di Franz Lehár; Près des remparts de Séville da Carmen di Georges Bizet; Duetto buffo di due gatti di Gioachino Rossini; Io son ricco, e tu sei bella da L’elisir d’amore di Gaetano Donizetti; Libiamo ne’ lieti calici da La Traviata di Giuseppe Verdi; È scabroso le donne studiar da La vedova allegra di Franz Lehár.

Il concerto viene replicato: lunedì 29 luglio alle 21 al Teatro della Mutua di Carloforte; mercoledì 31 luglio alle 21 nel Sagrato della Basilica di Santa Maria dei Martiri a Fonni; venerdì 2 agosto alle 21 al Polo museale Casa Zapata di Barumini.

Prezzi biglietti: posto unico € 10 (intero) - € 5 (abbonati e under 30).

La Biglietteria del Teatro Lirico è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20, il sabato dalle 9 alle 13 e nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo. I giorni festivi solo nell’ora precedente l’inizio dello spettacolo.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Lirico, via Sant’Alenixedda, 09128 Cagliari, telefono 0704082230 - 0704082249, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., www.teatroliricodicagliari.it. Il Teatro Lirico di Cagliari si può seguire anche su Facebook, Twitter, YouTube, Instagram, Linkedin. Biglietteria online: www.vivaticket.it

Continua a leggere
  621 Visite

Ottima notizia per l'Accademia di Santa Cecilia: ANTONIO PAPPANO RINNOVA FINO AL 2023

aBiWnCcQ

Comunicato stampa

Antonio Pappano, che quest’anno festeggerà i suoi quindici anni all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ha accettato l’invito dell’Istituzione romana a confermare la carica di Direttore Musicale fino a dicembre 2023.

Il rapporto tra Pappano e Roma, cominciato nel 2005, è costellato da importanti traguardi e soddisfazioni sia personali che per le compagini ceciliane: dai riconoscimenti e premi internazionali, dalle tournée nei principali templi della musica di tutto il mondo, alle prestigiosissime incisioni discografiche con le etichette più importanti del settore.

"Sono passati quindici anni dalla mia nomina a Direttore Musicale dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e prolungare il mio incarico, in un’Istituzione che amo e in una città che mi ha accolto a braccia aperte, è per me un motivo di grande orgoglio", ha dichiarato Antonio Pappano. "In questa città ho molti affetti e amici e guidare quest’Orchestra, con un livello di professionalità altissimo, mi regala serenità e mi fa sentire parte di una grande famiglia. In questi anni, con l'Orchestra e con il Coro, abbiamo raggiunto importanti traguardi, siamo stati in tournée nelle sale più importanti del mondo e abbiamo inciso con i più grandi artisti del panorama internazionale. Lavoriamo seriamente ogni giorno e continueremo a farlo per offrire a noi stessi, ma soprattutto a questa città e al nostro amato pubblico, il livello artistico ed emotivo che tutti ci meritiamo”.

Continua a leggere
  439 Visite

PLACIDO DOMINGO 50: una settimana di eventi per l'Arena di Verona Opera Festival 2019

DOMINGO_cantaVerdi_2014_FotoEnnevi_001 Domingo in Arena nel 2014

 

Plácido Domingo, la star planetaria dell’Opera, torna all’Arena di Verona per una settimana di festeggiamenti a lui dedicata nel Festival 2019: direttore d’orchestra, baritono e protagonista della serata evento che ne celebra in un gala i 50 anni dal debutto assoluto in Arena e in Italia. 

Si apre con la direzione della storica Aida firmata da de Bosio la settimana per i 50 anni dal debutto di Plácido Domingo in Arena, luogo del cuore e palco mai più abbandonato da lui, fedele ospite per la gioia delle masse artistiche e del pubblico internazionale della Fondazione veronese. Domingo ha cominciato il suo illustre percorso in Italia proprio all’Arena di Verona nell’estate 1969, con Turandot di Puccini (era il 16 luglio ed anche il suo debutto nel temibile ruolo di Calaf) e Don Carlo di Verdi,accanto ad altre leggende come Birgit Nilsson, Montserrat Caballé (entrambe per la prima volta a Verona), Piero Cappuccilli, Fiorenza Cossotto, Ivo Vinco e Gabriella Tucci, in allestimenti favolosi (registi erano Luigi Squarzina e Jean Vilar mentre Pier Luigi Pizzi curava scene e costumi). Da allora è seguita una carriera inarrestabile ai massimi livelli, come cantante, direttore d’orchestra, general manager e mentore di giovani talenti. Gli eventi che lo vedono protagonista nel 2019 consolidano il suo profondo legame con l’Arena Opera Festival, a conferma di quel talento eclettico che gli ha consentito negli anni di sviluppare una sconfinata curiosità artistica su più fronti, dagli amati ruoli baritonali al podio, dimostrandosi musicista a tutto tondo e vero mattatore dal carisma mediatico e popolare.

Domenica 28 luglio, ore 21 – Aida

Il 28 luglio 2019 il grande artista madrileno sale sul podio areniano per dirigere orchestra, coro e cast d’eccezione in Aida di Verdi, nell’edizione storica di Gianfranco de Bosio, maestro del teatro italiano che con il suo fortunato allestimento ricrea la magica prima notte operistica del 10 agosto 1913, quando tutto iniziò per il Festival in Arena. Domingo ha diretto per la prima volta questo capolavoro verdiano nel 1975 ad Amburgo e da allora per ben 35 recite. Sul palcoscenico salgono artisti internazionali come Tamara Wilson (Aida), Violeta Urmana (Amneris), Fabio Sartori (Radamès), Sebastian Catana (Amonasro), Marko Mimica (Ramfis), Krzysztof Bączyk (Re), Francesco Pittari (messaggero), Yao Bo Hui (sacerdotessa) e primi ballerini dalla Scala, dal San Carlo di Napoli e dal Los Angeles Ballet: Petra Conti, Mick Zeni e Alessandro Macario.

Giovedì 1 agosto, ore 20.45 – La Traviata

Si prosegue nel segno del genio di Busseto e in particolare de La Traviata, nella nuova produzione del Festival 2019, ultima creazione di Franco Zeffirelli, da poco scomparso. Il 1 agosto 2019 Plácido Domingo interpreta la più importante delle grandi figure paterne verdiane: Giorgio Germont, il vero motore dell’infelice storia d’amore tra Violetta ed Alfredo, ruolo che Domingo ha interpretato più volte come tenore e che rimarrà storico nel film-opera di Franco Zeffirelli. Con lui, per quest’unica speciale serata due star indiscusse del belcanto mondiale: Lisette Oropesa, voce impeccabile e personalità di grande appeal, e l’estroverso ed eclettico Vittorio Grigolo, altro grande amante sia dei teatri internazionali sia della divulgazione popolare dell’opera, a cui dedica appuntamenti trasversali di notevole impatto, come la recente esperienza nella tv nazionalpopolare conAmici di Maria de Filippi e la conduzione con Antonella Clerici della diretta mondiale della première della medesima Traviata il 21 giugno scorso. Quella del 1 agosto sarà dunque una Traviata indimenticabile sotto l’egida dell’ultimo grande protagonista dell’epoca d’oro dell’arte registica italiana, Franco Zeffirelli, amico ed estimatore di Domingo, per un’unica serata speciale ad altissimo tasso emotivo per rendere ancora più saldo e importante il rapporto tra il compianto Maestro fiorentino e la città di Verona. Col Ballo dell’Arena sono protagonisti le étoile Petra Conti e Giuseppe Picone, creatore delle coreografie. A dirigere solisti e l’orchestra e il coro areniani è per l’occasione il maestro Marco Armiliato.

Domenica 4 agosto, ore 20.45 – Plácido Domingo 50 Arena Anniversary Night

Questa irripetibile settimana si conclude con una serata evento unica: il 4 agosto2019 va in scena la Plácido Domingo 50 Arena Anniversary Night, un nuovo allestimento in forma scenica completa per tre atti operistici. Il cast riunito attorno a Domingo in occasione del festeggiamento dei suoi 50 anni dal debutto in Arena è interamente composto da artisti di primo piano: il soprano Anna Pirozzi, il tenore Fabio Sartori, il mezzosoprano Géraldine Chauvet e il basso Marko Mimica con Elisabetta Zizzo, Carlo Bosi, Lorrie Garcia e Romano Dal Zovo. Il programma è tutto dedicato a Verdi e a tre dei suoi più complessi e maestosi ruoli baritonali, ruoli a cui per la loro intensità espressiva Domingo ambiva già da molti anni e che ora sono più adatti alla sua voce brunita. Aprono la serata la celebre Sinfonia iniziale e le parti III e IV di Nabucco (che affiancano l’immancabile “Va’ pensiero” alla grande aria Dio di Giuda). La seconda parte comprende ampi brani dagli atti II e III di Simon Boccanegra (vero capolavoro di rara esecuzione in Arena, dove manca dal 1973) con la celebre aria di Gabriele Adorno, interpretato da Fabio Sartori, "Oh inferno! Cielo pietoso rendila”, e l'impressionante scena finale che culmina con la morte del Doge. Il gala si conclude con l’intero atto finale di Macbeth, scrigno di perle musicali quali la grande scena del Sonnambulismo affidata ad Anna Pirozzi e l’aria finale di Macbeth Mal per me che m’affidai, scritta da Verdi per la prima assoluta dell’opera e tanto amata da Domingo. Lo spettacolo si avvale della regia di Stefano Trespidi, di scene e proiezioni disegnate da Ezio Antonelli, dei costumi coordinati da Silvia Bonetti, delle luci di Paolo Mazzon e delle coreografie create da Giuseppe Picone per il Ballodell’Arena istruito da Gaetano Petrosino, nonché di numerosi figuranti sull’immenso palcoscenico areniano. Dirige il maestro valenciano Jordi Bernàcer, già applaudito nell’anfiteatro veronese in Aida Nabucco e nel gala Antologìa de la Zarzuela proprio con Plácido Domingo, e qui di nuovo alla guida dell’Orchestra areniana e del grande Coro preparato da Vito Lombardi.

Continua a leggere
  514 Visite

Si arricchisce la discografia della Fondazione Pergolesi Spontini con l’uscita del cd “Le metamorfosi di Pasquale” di Spontini registrato da Dynamic a Jesi

Le-Metamorfosi-di-Pasquale_Dynamic

Comunicato stampa

Si arricchisce di un nuovo tesoro la discografia della Fondazione Pergolesi Spontini, con l’uscita del cd dell’opera “Le metamorfosi di Pasquale” di Gaspare Spontini registrata dalla Dynamic al Teatro Pergolesi di Jesi nel settembre 2018 in occasione della scorsa edizione del Festival Pergolesi Spontini. L’opera è diretta da Giuseppe Montesano sul podio dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini, interpreti Baurzhan Anderzhanov (Pasquale), Carlo Feola (barone), Michela Antenucci (Costanza), Daniele Adriani (cavaliere e sergente), Carolina Lippo (Lisetta), Antonio Garés (marchese), Davide Bartolucci (Frontino).

“Le metamorfosi di Pasquale o sia Tutto è illusione nel mondo”, farsa giocosa per musica in un atto, su libretto del veneziano Giuseppe Maria Foppa, fu scritta da Spontini nel 1802 per il Teatro di San Moisè a Venezia ed è l’ultima opera da lui composta per le scene italiane prima di tentare fortuna all’estero. La partitura era ritenuta perduta e dopo due secoli d’oblio è stata ritrovata nel 2016 nel Castello di Ursel in Hingene (Belgio); è stata studiata e pubblicata dalla Fondazione Pergolesi Spontini (revisione critica di Federico Agostinelli) con il contributo del Centro Studi per la Musica Fiamminga e della Provincia di Anversa, quindi messa in scena in prima esecuzione in epoca moderna nel 2018 in coproduzione con Fondazione Teatro La Fenice di Venezia.

Il cd “Le metamorfosi di Pasquale” è l’ultimo di una lunga serie di prodotti discografici realizzati da case discografiche nazionali ed internazionali su opere prodotte dalla Fondazione Pergolesi Spontini e allestite a Jesi – in alcuni casi in prima assoluta; tra esse si ricordano l’uscita di “Adelson e Salvini” di Bellini (Bongiovanni 2018), “L’arlesiana” di Cilea (Dynamic 2015), “La fuga in maschera” di Spontini (EuroArts 2014), il cofanetto “Tutto Pergolesi – The complete Opera Edition ” di Unitel Classica con le opere di Giovani Battista Pergolesi registrate in occasione delle celebrazioni per i 300 anni della nascita del compositore, con i dvd “Adriano in Siria – Livietta e Tracollo” (Opus Arte 2011), “Il prigionier superbo – La serva padrona” (Arthaus 2012), “Il Flamino” (Arthaus 2012), “La Salustia” (Arthaus 2013), “L’Olimpiade” (Arthaus 2013), “Lo frate ‘nnamorato” (Arthaus 2013).

Continua a leggere
  484 Visite

Gli eventi del Luglio Musicale Trapanese del weekend

5etto

COMUNICATO STAMPA

Gli eventi del Luglio Musicale Trapanese del weekend

 

18 Luglio – ore 21.00

Carmina Burana al Parco Archelogico di Marsala: un contesto perfetto

La 71a stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese ospiterà domani 18 luglio, alle ore 21.00, anche i Carmina Buranadi Carl Orff, un affresco di poesia medioevale in musica. Il concerto sarà in un luogo “magico”, nuovamente fruibile ai cittadini e ai turisti, ovvero il Parco Archeologico di Lilibeo, il Decumano Massimo che torna imperioso a farsi ammirare.

Per il concerto, canteranno il soprano Alexandra Zabala, il tenore Martin Susnik, il baritono Matteo D’Apolito e un coro diretto dal Maestro Fabio Modica. Sul podio Hobart Earle. L’evento va ad arricchire una stagione che vanta già innumerevoli opere e artisti internazionali. Si tratterà di 24 brani musicati da Orff, prevalentemente in Latino o alto tedesco antico, tratti da una raccolta di testi poetici medievali ritrovati nel monastero bavarese di Banediktbeuern nei pressi di Bad Tölz.

I biglietti del concerto sono già disponibili al Botteghino dell’Ente, a partire da 15 euro, e sarà attivato un servizio di mini bus per raggiungere, da Trapani, la location dell’evento.

19 Luglio – ore 19.00

InChiostro d'Autore 2019

Incontri letterari al San Domenico a cura di Marco Rizzo

Chiostro di San Domenico

Piazzetta San Domenico | Trapani

Continuano gli appuntamenti con InChiostro d’Autore, rassegna letteraria organizzata dall’Ente Luglio Musicale Trapanese con il patrocinio del Comune di Trapani e curata dal giornalista e scrittore Marco Rizzo.

Venerdì 19 luglio, non a caso anniversario della strage di via D’Amelio dove perse la vita Paolo Borsellino, il giallista e giornalista palermitano Salvo Toscano ci racconta la vita di un grande poliziotto, in Joe Petrosino - Il mistero del cadavere nel barileJoe Petrosino, un altro italiano illustre, il “superpoliziotto” che sfidò la Mano Nera e che, come Paolo Borsellino, fece della legalità la sua missione, è al centro del best seller di Salvo Toscano, che ha studiato per anni questo pioniere della lotta alla mafia.

 L’incontro si svolgerà a partire dalle 19:00 presso il Chiostro Ovest del Complesso Monumentale di San Domenico, nella Piazzetta San Domenico a Trapani. L’ingresso è libero.

19 Luglio - ore 21.00

Quintetto d’Archi dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Chiostro di San Domenico

Piazzetta San Domenico | Trapani

Il Chiostro di San Domenico farà da cornice al prezioso appuntamento cameristico del 19 luglio, alle ore 21.00, con il Quintetto d’archi dell’Accademia Nazionale di “Santa Cecilia” di Roma formato da Rosario Genovese e Ruggiero Sfregola ai violini, Gianni Leonetti alla viola, Francesco Di Donna al violoncello, Andrea Pighi al contrabbasso.

Formato da professori dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia, il Quintetto d'archi trova le sue origini nello studio del repertorio classico unito alle esperienze personali dei cinque musicisti che, pur essendo di formazione classica, hanno avuto singolarmente vaste esperienze in altri generi musicali, apportando ognuno il proprio "etto" di cultura. 

Oggi il Quintetto suona regolarmente per le più prestigiose associazioni concertistiche ottenendo successo di pubblico e critica ad ogni sua performance.

Il programma dei concerti del Quintetto è sempre “a sorpresa”, viene cioè deciso sul momento scegliendo tra brani di ogni tipo e genere: classico rivisitato, rock, jazz, pop, melodico, tango, dance, in base alla reazione del pubblico che diventa parte attiva nel concerto, a volte in maniera determinante.

Continua a leggere
  458 Visite

ORFEO ED EURIDICE, CHRISTOPH WILLIBALD GLUCK - OPERAESTATE FESTIVAL VENETO, BASSANO DEL GRAPPA

Orfeo-Ceccon-2

Per l’edizione 2019 di  Operaestate Festival Veneto l’appuntamento con la lirica, in collaborazione con il comune di Padova, apre con una operazione musicale molto ricercata operata dal Maestro Marco Angius che dirige stabilmente l’Orchestra di Padova e del Veneto ormai da diversi anni, con una attenzione particolare al repertorio contemporaneo ed alla ricerca di innovazioni stilistiche musicali. Non poteva essere dunque una ‘semplice’ (se mai può esserlo) esecuzione di un capolavoro settecentesco come l’Orfeo ed Euridice di Gluck, quella portata in scena per questa occasione, ma una attenta concertazione ben analizzata, studiata e rinnovata. Questo grazie all’inserimento di pezzi da altre composizioni come si usava ai tempi del compositore. Sin dalla ouverture, senza nulla togliere a quella magnifica composta da Gluck, Angius ha preferito il Poema sinfonico Orpheus di Franz List, risalente al 1854, quando al musicista ungherese fu chiesto di scrivere per la corte di Weimar due poemi sinfonici che aprissero e chiudessero l’opera, che per quella occasione era la rivisitazione francese di Berlioz. Con questo pezzo Angius ci porta alle amorose angosce del povero Orfeo, grazie alla delicatezza della ‘sua’ arpa, degli echi che rimbalzano tra archi e fiati dolcemente fusi in un armonioso flusso di pathos. Sempre da Gluck il Direttore ha inserito anche la ‘Danza delle Furie’ nel secondo atto, scelta intelligente considerando la forza del pezzo ed il momento in cui Orfeo ha la meglio sulle Furie. Infine con la II Sequenza di Berio siamo addirittura nel 1963, che riecheggia per un Orfeo tragicamente colpito dalla seconda morte di Euridice ed il suo cuore si spezza come le corde dell’arpa.

Continua a leggere
  594 Visite

logo mtg footerTutti i diritti riservati