Cerca nel sito

il Concorso Internazionale di Canto lirico "Giusy Devinu" su Sky Classica HD

Marta-Mari-e-Claudio-Orazi-foto-Priamo-Tolu

comunicato stampa

Il Concorso Internazionale di Canto lirico “Giusy Devinu”

dal Teatro Lirico di Cagliari a Sky Classica HD lunedì 5 marzo alle 21

La Serata di Gala della I edizione del Concorso Internazionale di Canto lirico “Giusy Devinu” che si è tenuta, sabato 30 settembre 2017, al Teatro Lirico di Cagliari, è stata ripresa integralmente dalle telecamere di Sky Classica HD e, adesso, viene diffusa, lunedì 5 marzo alle 21 e, in replica, per altre sei volte, martedì 6 marzo alle 10, mercoledì 7 marzo alle 14.30, giovedì 8 marzo alle 9, venerdì 9 marzo alle 23.30, sabato 10 marzo alle 12 e domenica 11 marzo alle 16.30, sulla celebre emittente televisiva italiana interamente dedicata alla musica classica ed alle opere liriche.

Continue reading
27 Hits

IVÁN FISCHER PORTA AL TEATRO OLIMPICO DI VICENZA LA GRANDE OPERA

Screenshot_20180217-133551

COMUNICATO STAMPA  FEBBRAIO 2018

Presentata alla stampa la prima edizione del Vicenza Opera Festival, ideato dal direttore ungherese Iván Fischer e realizzato dalla Società del Quartetto. Apre la rassegna il Falstaff di Verdi con la Budapest Festival Orchestra diretta da Fischer e Ambrogio Maestri nel ruolo del protagonista. Completa il programma un concerto lirico-sinfonico.

Il Teatro Olimpico di Vicenza ospiterà, dal 12 al 14 ottobre 2018, la prima edizione del Vicenza Opera Festival, da un'idea del maestro ungherese Iván Fischer che arriverà a Vicenza alla testa della Budapest Festival Orchestra e della Iván Fischer Opera Company.

La rassegna è stata presentata questa mattina – venerdì 16 febbraio – in Sala degli Stucchi di Palazzo Trissino a Vicenza dal Presidente della Società del Quartetto, Paolo Pigato, dal vicesindaco e assessore alla crescita del Comune di Vicenza Jacopo Bulgarini d'Elci e, in collegamento da Berlino, dal maestro Fischer.

Il Presidente della Società del Quartetto ha ricordato il secolare rapporto che intercorre fra Vicenza e il mondo musicale ungherese elencando alcuni insigni solisti e gruppi cameristici magiari che si sono esibiti per l'Associazione dal 1911 ai giorni nostri: il virtuoso Ferenc Vecsey, il Quartetto di Budapest, il Quartetto Ungherese e il Quartetto capitanato da Sándor Végh sono solo alcuni di questi. La lunga scia musicale è poi proseguita con Sir András Schiff, protagonista – dal 1998 al Teatro Olimpico – del Festival “Omaggio a Palladio” che ogni anno richiama a Vicenza centinaia di spettatori da tutta Europa.

«Sul solco di questa tradizione – ha sottolineato Paolo Pigato – ai prestigiosi nomi del passato, dal prossimo ottobre se ne aggiunge uno altrettanto prestigioso: quello del maestro Iván Fischer e della sua Budapest Festival Orchestra. Una presenza autorevole che da un lato rafforza una lunga tradizione di rapporti con il mondo musicale ungherese, dall'altro mi auguro possa segnare l'inizio di una serie di collaborazioni artistiche ancora più intense fra Vicenza e Budapest».

Continue reading
38 Hits

Prima esecuzione assoluta di Solbiati diretta da Marco Angius con l'Orchestra di Padova e del Veneto - Giovedì 22 febbraio, ore 20,45, Auditorium Pollini, Padova

Alessandro-Solbiati

 

52 Stagione concertistica OPV - Teatri del suono:  

Solbiati  e Beethoven 

 

 

Comunicato stampa

 

Giovedì 22 febbraio alle 20,45, presso l’Auditorium Pollini, nuovo appuntamento con la 52 Stagione concertistica OPV – Teatri del suono e con la musica di Ludwig van Beethoven, di cui saranno eseguite l’Ouverture Leonora III op. 72b e la Settima sinfonia in la maggiore op. 92; accanto ai due capolavori beethoveniani troverà spazio anche la prima esecuzione assoluta dei Sette Intermezzi da Il suono giallo di Alessandro Solbiati. Sul podio, a guidare l’OPV, il Maestro Marco Angius.  

L’esplorazione del rapporto tra musica e drammaturgia, leitmotiv della 52 Stagione concertistica OPVTeatri del suono,segna una tappa importante con il proseguimento del percorso sulle Ouverture del Fidelio di Ludwig van Beethoven: sarà infatti la volta della Leonora IIIop. 72b con cui l’Orchestra di Padova e del Veneto, guidata dal Maestro Marco Angius, aprirà la serata, condotta all’insegna del compositore tedesco. Scritta per la seconda versione del Fidelio del 1806 e poi accantonata nell’edizione definitiva del 1814, la Leonora III si caratterizza per le sue vaste dimensioni, così inusuali per un’opera che lo stesso compositore decise di espungere il brano; lo stesso tuttavia, oltre ad entrare ben presto nel repertorio delle sale da concerto, venne reintrodotto, in alcune scelte direttoriali debitrici della lezione di Hans von Bülow e Gustav Mahler, prima della scena conclusiva dell’opera, proprio per la capacità di condensare le idee musicali e poetiche del Fidelio.   

Continue reading
37 Hits

FONDAZIONE ARENA DI VERONA, STAGIONE SINFONICA 2018 - PRIMO ONCERTO, TEATRO FILARMONICO DI VERONA 10 FEBBRAIO 2018

main.090218_FotoEnnevi_DSCF6749_20180209

Inaugurata la stagione sinfonica 2018 della Fondazione Arena di Verona con un concerto dal programma eclettico e coinvolgente, che ha visto Mario Brunello nella duplice veste di concertatore direttore d'orchestra e solista al violoncello e al violoncello piccolo.

Programma eclettico dicevamo, poiché si è spaziato dal barocco di Bach trascritto per grande orchestra da Stokowski al contemporaneo con lo sperimentalismo “partecipato” di Kourliandski, passando attraverso il cromatismo sinfonico e multiforme di Saints Saens.

Ed è quindi con la “toccata e fuga in re minore BWV565” nella trascrizione per orchestra sinfonica di Lopold Stokovski, che si è aperto il concerto.

Stokovski, che fu organista per più di dieci anni in varie chiese prestigiose del Regno Unito,  unisce ad una capillare conoscenza dello spartito bachiano, una certa magniloquenza retorica che rende la sua orchestrazione spesso eccessivamente pesante.

Continue reading
567 Hits

MYUNG-WHUN CHUNG E L'ENSEMBLE DEL TEATRO GRANDE_14-02-18 h20.30

Screenshot-2018-02-12-18.13.21

COMUNICATO STAMPA

14 febbraio 2018 h 20.30

 La Stagione Gennaio Giugno 2018 prosegue all’insegna delle ospitalità internazionali del mondo della musica. Mercoledì 14 febbraio alle 20.30 la Sala Grande accoglierà il celebre Maestro Myung-Whun Chung che si esibirà nell’insolita veste di pianista per un concerto di grande interesse dedicato al compositore tedesco Johannes Brahms. Insieme al maestro Chung sul palcoscenico ci sarà l’Ensemble del Teatro Grande, dal 2012 residenza artistica di eccellenza del Massimo cittadino. Il Maestro Chung ha iniziato l’attività musicale come pianista, debuttando all’età di sette anni; a 21 anni vince il secondo premio al Concorso Pianistico Čajkovskij di Mosca. Oggi è uno dei direttori più richiesti al mondo: ha diretto molte delle orchestre più prestigiose fra cui i Berliner e i Wiener Philharmoniker, il Concertgebouw di Amsterdam, le principali orchestre di Londra e di Parigi, l’Orchestra Filarmonica della Scala, la Symphonieorchester Bayerischen Rundfunks, le orchestre sinfoniche di Boston e di Chicago, l’Orchestra della Metropolitan Opera di New York, la New York Philharmonic Orchestra e le orchestre sinfoniche di Cleveland e di Philadelphia. L’Ensemble del Teatro Grande è una formazione da camera nata per volontà della Fondazione del Teatro Grande e composta da affermati musicisti e da giovani promesse del panorama musicale italiano. Laura Marzadori è primo violino del Teatro alla Scala di Milano; Daniele Richiedei è un giovane violinista di origini bresciane apprezzato per la versatilità della sua formazione che spazia dalla classica al jazz sino alla musica contemporanea; Eugenio Silvestri (viola) da qualche anno collabora con le più importanti orchestre italiane; Sandro Laffranchini è primo violoncello del Teatro alla Scala e coordinatore artistico dell’Ensemble. È parte dell’Ensemble anche il pianista Andrea Rebaudengo, musicista di Sentieri selvaggi e ospite delle più importanti istituzioni musicali italiane. Una delle caratteristiche salienti dell’Ensemble è anche la grande apertura nei confronti di partecipazioni importanti che hanno visto esibirsi accanto ai musicisti dell’Ensemble alcuni prime parti affermate dei principali teatri italiani e giovani talenti, freschi vincitori dei più rinomati concorsi di esecuzione musicale italiana.

Continue reading
31 Hits

OTELLO, GIUSEPPE VERDI - TEATRO FILARMONICO DI VERONA, RECITA DEL 06.02.18 ( CAST ALTERNATIVO)

La recita del 06.02.18 ha visto il cambio dei tre interpreti principali rispetto alla prima di cui abbiamo già recensito qui (link recensione 04 02 2018)

Ad interpretare il ruolo eponimo, abbiamo trovato uno Ian Storey in buona forma vocale nonostante la sua lunga carriera tutta concentrata su di un repertorio vocalmente pesantissimo e sterminato.

Storey è cantante che non si risparmia e sa dove mettere in evidenza tutte le sfaccettature interpretative che la parte del Moro comporta con oculata parsimonia ed una economia vocale studiata al milligrammo.

Si sente benissimo che ha studiato la parte con Carlo Cossutta e ne è prova la raffinatezza esecutiva che pone nel duetto che chiude il primo atto, ma non solo. Storey dimostra di possedere tutta la pienezza e facilità dello squillo richiesta per questo ruolo,  la voce c'è ed arriva senza indugio o affanno a superare anche l'incontrollato muro orchestrale che spesso si trova  dinnanzi, con una sfrontatezza esecutiva che ben conosciamo ed ammiriamo in questo artista.

Poco importa se lo smalto vocale non è più brillantissimo e a volte risulta logoro nei passaggi o nella parte bassa del rigo; la sua rimane una interpretazione musicale maiuscola.

Continue reading
192 Hits

PRECISAZIONI DAL TEATRO REGIO DI TORINO

 

Precisazioni del Sovrintendente Vergnano

 

 

Al fine di chiarire la situazione in merito alle conseguenze dell’incidente avvenuto lo scorso 18 gennaio sul palcoscenico del Teatro Regio, intendo sottolineare che: il giorno 19 gennaio, al fine di dare l’avvio alla perizia tecnica in contraddittorio disposta dal Pubblico Ministero dr. Vincenzo Pacileo, perizia che è tuttora in corso, sono stato iscritto nel registro degli indagati in quanto legale rappresentante pro tempore della Fondazione Teatro Regio di Torino.

Voglio inoltre precisare che, al momento, che io sappia, non è stata formulata nei miei confronti alcuna accusa specifica.

Walter Vergnano

Sovrintendente Teatro Regio Torino

Torino, 9 febbraio 2018


Continue reading
53 Hits

Associazione Lirica Trevigiana: evento Callas Pasolini

Screenshot_20180206-134859
COMUNICATO STAMPA
 
 
Una serata evento con la partecipazione del soprano Anna Pirozzi
 fa rivivere nella Chiesa di San Teonisto a Treviso 
il legame enigmatico fra Maria Callas e Pier Paolo Pasolini
 
 
Treviso, Chiesa di San Teonisto
11 febbraio 2018, ore 18.30
 
 
“Maria Callas e Pier Paolo Pasolini: storia di un amore” è il titolo dell'atteso evento in programma il prossimo 11 febbraio, alle ore 18.30, nella magnifica, rinnovata cornice della Chiesa di San Teonisto a Treviso. Organizzata dall'Associazione Lirica Trevigiana, con la direzione artistica di Giuseppe Aiello e il patrocinio della Fondazione Benetton Studi Ricerche, la serata comprende una conferenza e un concerto lirico in ricordo di Maria Callas, in occasione del 40° anniversario della sua scomparsa.
Continue reading
64 Hits

OTELLO, GIUSEPPE VERDI – TEATRO FILARMONICO DI VERONA, DOMENICA 4 FEBBRAIO 2018

main.040218_Otello_FotoEnnevi_VALE0590_20180204

Arriva al Teatro Filarmonico di Verona l’Otello verdiano che nel 2012 nacque da una collaborazione fortunata tra Fondazione Arena e Fondazione Teatro La Fenice di Venezia.  Giorgia Guerra riprende lo spettacolo molto concettuale che Francesco Micheli confezionò basandosi più sulle sensazioni intime del protagonista che sulla vicenda concreta. Come se gli astri condizionassero e schiacciassero i mortali, la scena è sormontata dalle costellazioni luminescenti il cui cielo cambia colore a seconda dello stato d’animo vigente in scena. Il cubo centrale che di volta in volta diventa il fulcro dell’azione, gira su se stesso creando i diversi ambienti necessari. Edoardo Sanchi non riempie oltre l’allestimento poiché ciò che importa alla regia sono le azioni e non dove vengono compiute. La mente di Otello è logorata passo passo da Jago che lo spinge verso il baratro, sì da rendere più materiale e quasi tangibile il terribile frutto dei suoi sospetti. Ombre nere impersonate dai mimi aggiungono mistero ed angoscia ai pensieri del Moro che ne resta fatalmente sopraffatto. Fondamentali le luci di Fabio Barettin, poiché tanta parte dello spettacolo si tinge dei colori dell’odio sanguigno di Jago, stemprato dal blu virtuoso del Cielo a cui è devota la sventurata Desdemona.  Silvia Aymonino disegna abiti tendenti al classico ma a nostro avviso un po’ bizzarri nel complesso per i signori uomini.

Continue reading
192 Hits

Per i 50 anni dalla morte del grande direttore d'orchestra Tullio Serafin celebrazioni nei più importanti teatri

Maria-Callas-e-Tullio-Serafin---Archivio-storico-Tullio-Serafin

Vicenza,  Febbraio 2018

Comunicato stampa 

La figura di Tullio Serafin (1878 – 1968), uno dei massimi direttori d’orchestra italiani del Novecento, il grande amico e maestro di Maria Callas, sarà ricordata, in occasione dei cinquant'anni dalla morte, dai maggiori teatri e istituzioni musicali italiani e internazionali che hanno aderito alle Celebrazioni Tullio Serafin, progetto ideato dall'Archivio storico che porta il nome del prestigioso artista veneto.

Il 3 febbraio ricorre l'anniversario dei 50 anni dalla morte del celebre direttore d'orchestra Tullio Serafin ed hanno inizio ufficile le celebrazioni a lui dedicate che hanno ottenuto la Medaglia del Presidente della Repubblica e il patrocinio della Regione del Veneto.

Ad aprire il ciclo di dediche sarà il Teatro Comunale di Ferrara (dove il maestro Serafin iniziò la sua vera e propria carriera nel 1902, dopo il Teatro Reinach di Parma e prima ancora nel 1898 alla Sala Follia di Milano con lo pseudonimo Alfio Sulterni) i prossimi 9 e 11 febbraio con “La Traviata” di Giuseppe Verdi.

Continue reading
232 Hits

DIE LUSTIGE WITWE (LA VEDOVA ALLEGRA), FRANZ LEHÁR – TEATRO LA FENICE DI VENEZIA, VENERDI’ 2 FEBBRAIO 2018

3alms1517587063

Molto atteso il ritorno di Die Lustige Witwe nella versione originale in tedesco alla Fenice di Venezia, non solo per  l’incredibile lasso di tempo passato dopo l’ultima e celeberrima rappresentazione datata 1988 con la Kabaivanska nel ruolo della protagonista, ma anche per la regia di  Damiano Michieletto dal quale il pubblico è abituato ad aspettarsi sempre qualcosa che colpisca. Il  regista in questo caso vuole allontanare l’idea di spettacolo macchiettistico che ormai tanti hanno in mente quando si tratta del lavoro più noto di Lehár, cosa già intuibile col ritorno alla lingua originale, e naturalmente intende spogliare l’ambientazione di tutti quei fronzoli e merletti che hanno caratterizzato tante produzioni passate (se pur deliziose a nostro avviso). Così il team Michieletto/Fantin/Teti ci porta alla contemporaneità più concreta, talmente ‘sul pezzo’ da prendere spunto dai notissimi fatti di economia accaduti nel nostro paese con lo scandalo delle banche ed i problemi che ne conseguono ogni giorno per le tasche dei risparmiatori.

Continue reading
148 Hits

VERONA LIRICA , QUARTO CONCERTO DELLA STAGIONE ARTISTICA - TEATRO FILARMONICO DI VERONA, DOMENICA 28 GENNAIO 2018

VERONA-LIRICA-2

Prosegue la stagione artistica della associazione Verona lirica con un nuovo concerto ospitato nella meravigliosa sala del teatro Filarmonico di Verona, presentato con la consueta preparazione e competenza da Davide da Como.

Ospiti del pomeriggio musicale sono stati il Soprano Karina Flores, il tenore Giuseppe Tommaso, il mezzo soprano Silvia Beltrami e il baritono Giuseppe Altomare, accompagnati al pianoforte dal maestro Patrizia Quarta.

La serata ha visto anche la partecipazione straordinaria della banda musicale di San Martino Buon Albergo, con solista Stefano Conzatti,  diretta da Massimo Longhi.

In apertura il nuovo Sovrintendente della Fondazione Arena di Verona Cecilia Gasdia ha voluto salutare il numeroso pubblico, rinnovando gli auspici di un nuovo corso per la Fondazione Arena di Verona e impegnandosi a presentare una nuova stagione artistica di altissima qualità sia per L'Arena di Verona che per il teatro Filarmonico.

Continue reading
184 Hits

NORMA, V. BELLINI – TEATRO CARLO FELICE DI GENOVA, 27 e 28 GENNAIO 2018

marielladevia1-rosellina-garbo_GRG6107

Una Norma radical chic è approdata al Teatro Carlo Felice nell’allestimento del Teatro Massimo di Palermo a cura di Luigi di Gangi e Ugo Giacomazzi che firmano la regia di questo spettacolo insieme con il nome di Teatrialchemici.

La regia è tutto sommato interessante, i personaggi si muovono avendo sempre un rapporto con dei “fili” che sembrano gestire le loro vite, dei fili che di volta in volta si fanno ora legami ora prigioni, ora vincoli indissolubili.   Le scene di Federica Parolini sono astrattamente coinvolgenti così come pure i giochi di luci e colori appropriati di Lugi Biondi.  I costumi di Daniela Cernigliaro sono invero bruttini.

Manca forse un pochino di solennità, un pochino di quella straordinaria “grandezza” che pure è presente in questo capolavoro belliniano.

Il Carlo Felice schiera due cast che trovano nelle due protagoniste i punti di forza.

Continue reading
1512 Hits

LA TRAVIATA, G. VERDI – TEATRO COMUNALE MARIO DEL MONACO DI TREVISO, VENERDI’ 26 GENNAIO 2018

ATTEAKOU

Con la nuova produzione di Traviata il Mario del Monaco di Treviso ritorna a scommettere sul classico verdiano, affidando la regia ad Alessio Pizzech che affronta nuovamente in carriera il personaggio di Violetta, creando uno spettacolo particolarmente emotivo, molto realistico, a tratti angosciante. Non le feste, infatti, gli amici, lo sfarzo, i sogni e la leggerezza di una femme fatale che si gode la vita ‘folleggiando’, sono il centro della sua narrazione, ma solo ed esclusivamente la malattia, la difficoltà di deambulare,  lo sforzo di proferir persino parola, di trovare ancora un sorso di vitalità in una vita che velocemente la consuma, nonostante le premure di un amante passionale sì, ma impotente di fronte a tanto dolore. Violetta è costantemente in camicia da notte e vestaglia, non ha voglia di agghindarsi, nemmeno per la festa a casa sua o di Flora. La sua vita con Alfredo è quasi sempre a letto, ansimando a faticando ad ogni passo. Una sedia a rotelle la accompagna verso l’ultimo respiro nell’atto conclusivo. La povera Annina la segue ovunque, angosciata, piangente, sempre in scena a mostrare i fazzoletti macchiati di sangue che la padrona impregna ad ogni colpo di tosse. Solo dolore e morte, con pochissimi sprazzi di gioia, sono i compagni di questa donna fragile ed infelice. Tutto il resto è mero contorno: le scene di Davide Amadei utilizzano pochi arredi essenziali ed un tendaggio che accenni alle pareti degli ambienti, mentre nei costumi può sbizzarrirsi solo con il coro, mascherato in modo assai bizzarro. Le luci sono affidate a Roberto Gritti.

Continue reading
2619 Hits

DER FLIEGENDE HOLLAENDER, RICHARD WAGNER - TEATRO PETRUZZELLI BARI, 23 GENNAIO 2018

Der-fliegende-Hollander-6492-ph_Rocco-Casaluci-2012

Per la prima volta (!) dalla sua prima rappresentazione avvenuta a Dresda nel 1843, il Teatro Petruzzelli di Bari, accoglie la straordinaria partitura del “Der Fliegende Hollaender”di Richard Wagner colmando questo assurdo ritardo con un cast ed un allestimento di buon livello qualitativo.

Con “Der Fliegende Hollaender” Wagner imbocca la via maestra della propria estetica musicale, voltando le spalle alle convenzioni teatrali dell'epoca, compiendo per la prima volta quel salto in avanti che lo porterà, con il ciclo del Ring, a rompere definitivamente con una estetica musicale ormai obsoleta e superata per la sua visione di teatro in musica.

Il suo salto in avanti è dovuto all'incontro con qualcosa che sembra aderire di colpo al respiro musicale di Wagner identificandosi con esso.

Questo qualcosa è la ballata romantica, genere poetico riscoperto dallo Sturm und Drang, fatto di cupe leggende sullo sfondo di una natura sconvolta e fissato in una narrazione rappresa e in forme ritmiche scandite che emergono direttamente dalla voce anonima della tradizione popolare; fusa e ampliata nel genere “opera romantica”, la ballata ha già alimentato un capolavoro come “Il franco cacciatore” di Weber e uno spartito ai suoi tempi fortunato come “Il vampiro” di Marschner, entrambi da includere tra le fonti principali del lavoro wagneriano.

Ed è infatti la ballata in sol minore che Senta intona nel secondo atto, un allegro ma non troppo in 6/8, “Traft ihr das Schiff”, il fulcro centrale dell'opera, perno rotante sul quale si sviluppa l'intera partitura musicale in una progressione che va dalla scena introduttiva della filatura, prosegue appunto con la ballata di Senta e la narrazione del sogno di Erik, per culminare nel duetto conclusivo. Il Wagner maturo, dunque, teneva ad assegnare alla Ballata  ( e per estensione a tutta l'opera) la funzione di preannunciare la sua poetica più matura, basata sull'uso strutturale del Leitmotive e sulla rinuncia alla tradizione del pezzo chiuso.

L' allestimento di Yannis Kokkos, che cura in toto regia, scene e costumi, si inserisce alla perfezione in questo filone di “opera romantica” .

Continue reading
407 Hits

Proseguono le indagini al Teatro Regio

COMUNICATO STAMPA

Proseguono le indagini al Teatro Regio

Stamane gli ufficiali di P.G. di Spresal – ASL Città di Torino, hanno consegnato al Teatro Regio un verbale di sequestro giudiziario emesso dal Pubblico Ministero dott. Vincenzo Pacileo in relazione all’incidente occorso lo scorso 18 gennaio allo scopo di consentire una ricostruzione tecnica di quanto accaduto.

La Direzione del Teatro Regio, appena dopo l’accaduto e ancor prima di questo provvedimento, aveva già disposto di non utilizzare i tiri di scena tanto che le recite diTurandot sono proseguite senza alcuna movimentazione e Salome non verrà presentata nell’allestimento originale, bensì in forma semi-scenica. Nel vocabolario teatrale questo significa che l’orchestra suona in buca, i cantanti possono indossare costumi e muoversi su un palcoscenico adorno di pochissimi elementi e, nel nostro caso, non c’è alcuna movimentazione di tiri e ponti di scena.  

Confidando nel lavoro della Magistratura, ci auguriamo che le indagini terminino il più presto possibile, in modo che possa regolarmente proseguire la Stagione d’Opera.

Torino, 25 gennaio 2018

 

Continue reading
67 Hits

Festival Verdi, Parma e Busseto, 27 settembre - 21 ottobre 2018 XVIII edizione

MACBETH_20180125-194254_1

                                                                                                                                                                                                                                   

 

COMUNICATO STAMPA

FESTIVAL VERDI

Parma e Busseto, 27 settembre - 21 ottobre 2018

XVIII edizione

MacbethUn giorno di regnoLe TrouvèreAttila

Roberto Abbado, Gianluigi Gelmetti, Philippe Auguin, Francesco Pasqualetti; Robert Wilson, Daniele Abbado, Andrea De Rosa, Massimo Gasparon;

Anna Pirozzi, Maria José Siri, Roberta Mantegna, Nino Surguladze,

Stefano Secco, Francesco Demuro, Luca Salsi, Vladimir Stoyanov, Franco Vassallo, Michele Pertusi, Riccardo Zanellato, Richard Galliano, Sergio Rubini.

Macbeth, Un giorno di regno, Le Trouvère, Attila sono le opere in programma al Festival Verdi 2018, anno della sua XVIII edizione, a Parma e Busseto dal 27 settembre al 21 ottobre.

4 opere, 3 nuovi allestimenti in 3 teatri diversi, 3 orchestre, 2 cori, 6 commissioni in prima assoluta, 25 eventi per 70 appuntamenti in 25 giorni.

Continue reading
190 Hits

Teatro Regio Torino: Per il pubblico di "Turandot" del 18 gennaio un'opera di Mozart in omaggio

COMUNICATO STAMPA

Per il pubblico di Turandot un’opera di Mozart in omaggio

Agli spettatori che lo scorso 18 gennaio erano presenti alla Turandot interrottasi alla fine del secondo atto, non potendo – dato il tutto esaurito – essere ospitati in un’altra rappresentazione, e non essendo possibile aggiungere una recita, il Teatro Regio ha deciso di dare la possibilità di assistere gratuitamente alla recita de Le nozze di Figaro, con la direzione di Speranza Scappucci e la regia di Elena Barbalich, del 3 luglio (ore 20) o a quella di Don Giovanni, diretta da Daniele Rustioni e firmata da Michele Placido, del 4 luglio (ore 20).

Pensiamo infatti che la possibilità di assistere gratuitamente a una delle opere più conosciute di Mozart sia il modo migliore per dimostrare l’attenzione nei confronti del nostro affezionato pubblico, consapevoli che altri teatri in casi analoghi, in cui lo spettacolo è stato interrotto oltre la metà o anche prima, non hanno ritenuto fosse opportuna alcuna forma di compensazione.

Coloro i quali vogliano usufruire di questa opportunità devono presentarsi alla Biglietteria del Teatro con il biglietto del 18 gennaio o con il relativo tagliando di abbonamento dal 1° al 28 febbraio 2018. I biglietti per una delle due rappresentazioni mozartiane saranno assegnati fino a esaurimento dei posti disponibili.

Ricordiamo che Turandot diretta da Gianandrea Noseda e firmata da Stefano Poda sarà visibile gratuitamente per 6 mesi a partiredalle ore 19 di giovedì 25 gennaio collegandosi al sito www.OperaVision.eu.

Per informazioni: Biglietteria del Teatro Regio, Piazza Castello 215 – Tel. 011.8815.241/242 e www.teatroregio.torino.it.

 

Continue reading
121 Hits

THE BRITISH TENOR FREDDIE DE TOMMASO WINS THE 55TH TENOR VIÑAS INTERNATIONAL SINGING CONTEST

                                       

Press release

THE BRITISH TENOR FREDDIE DE TOMMASO WINS THE 55TH TENOR VIÑAS INTERNATIONAL SINGING CONTEST  

Second prize goes to the Spanish soprano Leonor Bonilla while the South Korean tenor Sehoon Moon earns third prize, along with the public prize
 
Liceu is aiming to provide an ever more expansive international reach to the contest and will offer a live streaming broadcast of the Final Concert tomorrow, Sunday, 21 January, direct from the Gran Teatre del Liceu

 

Barcelona,  January 2018

The British tenor Freddie de Tommaso has earned the first prize of the 55th “Tenor Viñas” International Singing Contest, in the Final held yesterday in the Gran Teatre del Liceu. Second prize has been awarded to the soprano Leonor Bonilla, while third prize goes to Sehoon Moon, from South Korea. The rest of the official prizes have been awarded to the French soprano Anaïs Constans (fourth prize), the South Korean counter-tenor Jungkwon Jang (fifth prize) and the baritone Andrew Manea from the United States (sixth prize).

 
Sixteen singers participated in the Final of this year's Tenor Viñas contest out of a total of 515, representing 60 countries. The artists have passed through preliminary auditions in London, New York, Paris, Milan, Berlin, Beijing, San Francisco, Moscow and Madrid.


An international jury presided by the artistic director of Liceu, Christina Scheppelmann, has been in charge of selecting the winners from among all the finalists. The jury members form part of the world's leading opera theatres such as Russia's Bolshoi Theatre, the Teatro alla Scala in Milan, New York's Metropolitan Opera House and l'Opéra National de París among others.

Continue reading
90 Hits

LA BOHÈME, PUCCINI – TEATRO COMUNALE DI BOLOGNA, VENERDI’ 19 GENNAIO 2018

Bohme_I_cast_Demuro-Rodolfo_Alaimo-Marcello_Stavinsky-Colline_CF_9353RoccoCasaluci_preview

E’ di scena La Bohème di Puccini al Comunale di Bologna ad inaugurare la stagione lirica dell’anno appena iniziato. Protagonista assoluta della nuova produzione bolognese è la regia confezionata dall’ormai ampiamente riconosciuto come geniale regista Graham Vick. Riprendendo e sviluppando l’idea messa in scena per il teatro di Atene qualche anno fa, ci dimostra finalmente come modernità ed innovazione possano felicemente coniugarsi con il rispetto per il libretto, per il pubblico e per gli interpreti coinvolti. Moderna è l’ambientazione, volutamente vicina agli anni nostri, ma senza particolari specificatamente distinguibili; innovative sono le tecnologie utilizzate per creare scene (opera di Richard Hudson) facilmente smontabili e che non richiedano lunghi intervalli tra i quadri, in cui l’azione scenica è meravigliosamente vera, viva e coinvolgente.

Continue reading
184 Hits

logo mtg footerTutti i diritti riservati